Campania, contagi in aumento: la decisione sulla scuola

La Regione Campania, attraverso i propri profili social, ha reso noto quanto deciso dall’Unità di Crisi in merito al mondo della scuola.

Scuola Campania
Il comunicato stampa dopo la riunione dell’Unità di Crisi (Profilo Instagram Regione Campania)

L’Unità di Crisi della Regione Campania ha terminato da poco la riunione prevista per il pomeriggio odierno in merito alla diffusione dei casi. L’attesa riguardava soprattutto il mondo della scuola. Lunedì scorso, infatti, i ragazzi delle scuole superiori hanno ritrovato i propri compagni tornando a seguire in presenza.

Il presidente della Regione, Vincenzo De Luca, già nella giornata di venerdì aveva fatto presente che i casi sul territorio erano in aumento e la situazione iniziava a preoccupare. Oggi, quindi, si è tenuta la riunione dell’Unità di Crisi per la decisione in merito al mondo della scuola.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus Campania, il bollettino Regione di oggi 9 febbraio

Scuola, la decisione dell’Unità di Crisi della Regione Campania

Coronavirus Campania scuola
Il Comunicato Stampa della Regione Campania (Regione Campania)

L’Unità di Crisi “valutato il costante e crescente aumento dei casi registrati in tutte le fasce d’età, invierà a tutti i Prefetti e ai Sindaci il grave quadro epidemiologico regionale registrato, in termini generali, nonché in ambito scolastico”, si legge nella nota pubblicata attraverso i canali ufficiali della Regione. In particolare, si specifica che a seguito di un’analisi si dovrà valutare per ogni singola realtà locale il necessario passaggio alla didattica a distanza fino alla fine del mese di febbraio”.

LEGGI ANCHE >>> Napoli, il nuovo vescovo Battaglia è positivo al Covid

In ultimo, la Regione ha voluto precisare che con l’arrivo delle dosi del vaccino Astrazeneca si provvederà all’inizio della campagna di somministrazione sul personale scolastico. Si legge che si procederà “come da protocollo attuale, per docenti e non docenti di età inferiore ai 55 anni, e progressivamente fino alla copertura totale, anche oltre i 55 anni”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Regione Campania (@regione.campania)