Campania, scuola a rischio chiusura! Martedì la decisione

La Regione Campania, in queste ore, sta valutando attentamente i dati epidemiologici del mondo della scuola: martedì nuova verifica.

Scuola Campania
La Regione Campania sta valutando i dati epidemiologici (Pagina Facebook Vincenzo De Luca)

Un’ordinanza ancora manca. Ma la possibilità che nei prossimi giorni arrivi una decisione forte sul mondo della scuola prende quota. Nel corso della diretta di ieri pomeriggio, infatti, il presidente De Luca ha ribadito che la situazione non è facile da gestire. Leggendo i dati delle ASL dopo la riapertura dei plessi scolastici, ha voluto ribadire la necessità di prevenire ed agire in tempo.

Dicendo di parlare come “padre di famiglia”, ha fatto sapere che la Regione è ben conscia di “quanto non sia delicato non avere la frequenza scolastica normale”. La riapertura è arrivata dopo “una pressione da parte del Ministro dell’Istruzione” che, secondo De Luca, è il peggiore di sempre.

Nel pomeriggio di ieri, l’Unità di Crisi ha avuto modo di analizzare i dati provenienti dal mondo della scuola. A seguito della riunione, la Regione Campania ha pubblicato un comunicato stampa.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus Campania, il bollettino Regione di oggi 5 febbraio

Campania, martedì una nuova valutazione dei dati del mondo della scuola

Scuola Campania
Scuola (foto web)

“Si è preso atto del trend in crescita in atto in tutte le fasce dell’età scolastica, nel quadro di una crescita generale dei contagi in Campania”, si legge nella nota apparsa sui social ufficiali di Regione e del presidente Vincenzo De Luca.

LEGGI ANCHE >>> Napoli, nuovo caso Covid: il campione finisce in isolamento!

“L’Unità di Crisi ha deciso di aggiornarsi a martedì prossimo, per un esame ancora più mirato e aggiornato dei dati di contagio nelle scuole”, spiega la nota. Nei primi giorni della prossima settimana, quindi, potrebbe arrivare una decisione forte per le sorti degli studenti campani.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Vincenzo De Luca (@vincenzodeluca)