Onana dell’Ajax squalificato per un anno: la versione della società

Andrè Onana dell’Ajax squalificato dalla Uefa per un anno perché positivo al controllo anti-doping: ecco qual è la versione della società

Onana ayax
Il portiere Andrè Onana (Getty Images)

Andre Onana dell’Ajax è stato fermato per un anno a causa del doping. La vicenda del calciatore è però molto singolare. La Uefa ha riconosciuto che non ci fosse alcun dolo da parte del calciatore 27enne.

La notizia è stata lanciata dalla stessa società olandese con un comunicato ufficiale che ha ricostruito la vicenda. Il controllo anti-doping è avvenuto “fuori corso”, ossia a sorpresa, lo scorso 30 ottobre. Nell’urina del calciatore sono state trovate tracce di Furosemide.

Onana ha commesso un errore sul prodotto” scrive il club. Quella mattina non si sentiva bene e prese una medicina per alleviare il dolore che fu prescritto alla moglie. L’organo disciplinare della Uefa ha chiarito che il portiere non volesse barare ma che in base alle norme vigenti in nessun momento si possono assumere sostanze vietate.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Napoli, rimosso il murales del baby rapinatore Luigi Caiafa

Onana positivo all’anti-doping: pronto il ricorso

La squalifica al portiere si applica da oggi. Il Onana potrà quindi tornare a difendere la porta il 6 febbraio 2022. Sia il calciatore che la società di Amsterdam presenteranno ricorso contro la decisione presso la Corte di Arbitrato per lo Sport.

Onana è entrato nella Prima Squadra dell’Ajax nella stagione 2016-2017 e da allora ha collezionato più di 200 presenze. Ha cominciato nelle giovanili del Barcellona per poi passare allo Jong Ajax, la seconda squadra che milita in Eesrte Divisie, la seconda serie olandese.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Izzo, da Scampia alla Serie A: “Avevo fame, giocavo coi figli dei mafiosi”

È rimasto solo una stagione poi il tecnico Frank de Boer lo aggregò in Prima squadra in sostituzione del terzo portiere. Man mano ha scalato tutte le posizione in modo abbastanza veloce diventando poi un punto fermo della squadra, fino alla brutta notizia di oggi.