Calciomercato Juventus, ultimo giorno: fatta per la cessione

Ultimo giorno di calciomercato Juventus: Daniele Rugani torna in Serie A. Il nuovo club ha trovato l’accordo con il Rennes: cifre e dettagli.

calciomercato Juventus
Buffon, Rugani e Demiral alla Juventus (Getty Images)

Ultimo giorno di calciomercato: nessun colpo dell’ultimo minuto per le big del nostro campionato. Questo mercato di riparazione è stato un gennaio all’insegna del risparmio e dei colpi mirati. Prima del gong finale alle ore 20 di oggi lunedì 1 febbraio, potrebbero arrivare nuove interessanti ufficialità. Una di queste si preannuncia essere il ritorno in Serie A di Daniele Rugani. Il difensore di proprietà della Juventus in estate aveva accettato il prestito in Ligue 1, dove ha vestito la maglia del Rennes soltanto una volta. L’unica apparizione nel campionato francese sono stati i 90 minuti giocati in trasferta contro il Dijon (risultato finale 1-1). Il prestito dal club campione d’Italia era costato 3,2 milioni di euro ai francesi.

LEGGI ANCHE –> Calciomercato Juventus, Paratici si libera di un ingaggio pesante!

Calciomercato Juventus, Rugani torna in Serie A

calciomercato Juventus
Goal Juventus (Getty Images)

Il difensore di proprietà bianconera sembrava poter diventare un nuovo calciatore del Bologna. I dettagli dell’operazione con il Rennes, fino a poco fa descritta da Sky come in stato avanzato. La dirigenza francese chiedeva al Bologna il pagamento di metà della spesa per il prestito: 1,6 milioni di euro. Il club rossoblù, alla ricerca di un rinforzo per il reparto difensivo di Sinisa Mihajlovic, verserebbe nelle casse del Rennes 800 mila euro più un premio al verificarsi di due condizioni: la salvezza e le 13 presenze del calciatore.

LEGGI ANCHE –> Calciomercato Juventus, ufficiale: tre colpi dal club di Serie A

Destinazione a sorpresa: il Cagliari sorpassa

Nel caso la trattativa tra Bologna e Rennes non andasse in porto, si è già fatto avanti in Cagliari. Da Sportitalia fanno sapere che il Bologna sembra essersene tirato fuori, niente da fare anche per Torino e Parma (defilatisi dopo i primi sondaggi). Proprio il Cagliari adesso insiste e tratta senza sosta per riuscire a chiudere prima delle 20.