Napoli, funzionario comunale va in pensione: festa con volto di Mussolini

Napoli, funzionario comunale va in pensione ma è polemica per la festa a sorpresa organizzata da un consigliere

napoli
Foto Facebook

Da Cogoleto a Napoli. Nei giorni scorsi aveva fatto scalpore il saluto romano da parte di tre consiglieri di opposizione nel comune genovese che avevano fatto il saluto fascista nella sede istituzionale, proprio nella Giornata della Memoria del 27 gennaio, dopo qualche giorno un evento simile è avvenuto nel capoluogo campano.

Nella sede di via Gianturco nella IV Municipalità a Napoli il funzionario Nunzio Vitolo va in pensione. “Al caro Nunzio Vitolo da parte di Enzo Morra” c’è scritto sulla torta. Una dedica del consigliere di municipalità ma sul dolce c’è il volto del dittatore Benito Mussolini. Il neo pensionato ha caricato tutto sul web anche il video con i candelotti sul dolce.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Napoli, controlli anti-covid tra le vie della movida: 44 le sanzioni

Napoli, la reazione del presidente della IV Municipalità

Foto del profilo Facebook di Nunzio Vitolo

Il diretto interessato ha pubblicato le foto su Facebook: varie persone davanti alla torta per il brindisi e le mascherine abbassate e senza rispettare il distanziamento. Il fatto è avvenuto il 29 gennaio, due giorni dopo la Giornata della Memoria delle vittime delle persecuzioni naziste.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Ischia, matrimonio al ristorante: denunciati sposi e invitati

“Qualcuno ha pensato bene di violare la sacralità dell’istituzione democratica. Condanniamo un gesto oltraggioso e anticostituzionale” ha detto il presidente della Iv Municipalità Giampiero Perrella. Sarà avviata un’indagine interna. Al momento non c’è ancora stato alcun commento del sindaco Luigi De Magistris.

La posizione antifascista del primo cittadino è nota pertanto è facile aspettarsi la condanna. Un gesto grave a prescindere ma ancora di più perché avvenuta in una sede istituzionale avallata da un uomo delle istituzioni come il consigliere Enzo Morra.