De Luca lancia l’allarme: “La campagna vaccinale durerà più del previsto”

Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania, ha rilasciato alcune dichiarazioni in conferenza stampa in merito alla copertura vaccinale.

De Luca
Il presidente della Regione Campania (Getty Images)

Il presidente della Regione Campania, come ogni venerdì pomeriggio, ha rilasciato una serie di dichiarazioni in conferenza stampa. Tra i tanti temi toccati, ovviamente c’è quello che riguarda il piano vaccinale. Già nelle scorse settimane, De Luca aveva avuto parole al vetriolo contro la decisione sulla ripartizione delle dosi da destinare alle varie regioni. In seguito, poi, aveva avuto un acceso dibattito con il commissario straordinario all’emergenza, Arcuri. Oggi ha ribadito il concetto senza troppi giri di parole. Il piano vaccinale serio, secondo il presidente della Regione Campania, non sarebbe stato alla portata del governo uscente.

“Il problema vero e drammatico è la carenza di vaccini”, ha dichiarato nel corso della conferenza stampa tenuta questo pomeriggio. Anche a causa dei ritardi nelle consegne delle forniture da parte delle multinazionali, le dosi scarseggiano.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Scuola, a Sorrento interviene il sindaco: la decisione sulle superiori

De Luca sui tempi della copertura vaccinale

De Luca
Il presidente della Campania (Getty Images)

“Se la quantità dei vaccini resta questa, la copertura vaccinale per la Campania non si concluderà nel 2021, come era il nostro obiettivo, ma nel 2022”, ha dichiarato il presidente della Regione. Nel corso della diretta Facebook di questo pomeriggio, infatti, ha lanciato un vero e proprio allarme. Nelle scorse settimane, diversi esponenti politici avevano annunciato il raggiungimento dell’immunità di gregge per l’autunno o comunque la fine del 2021.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus Campania, il bollettino del 29 gennaio: 1.175 nuovi casi

Secondo il presidente della Regione Campania, invece, se si continua di questo passo non si potrà tenere fede a questa promessa. “Non abbiamo nessuna certezza sulle forniture. In questo momento in Italia non abbiamo più il ministero della salute ma un commissario per l’emergenza”.