Sanremo, Amadeus: “Se non prendo il Covid, qui rischio l’infarto”

Sanremo, nuove difficoltà per Amadeus. Il conduttore minaccia di lasciare la conduzione del Festival senza pubblico: “Qui rischio l’infarto”.

Sanremo
Amadeus (Getty Images)

Un Festival di Sanremo senza pubblico, il rischio c’è. Nella mattinata di ieri il ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Franceschini con un tweet aveva sconvolto i piani della Rai. “Il Teatro Ariston di Sanremo è un teatro come tutti gli altri e quindi, come ha chiarito ieri il ministro Speranza, il pubblico, pagante, gratuito o di figuranti, potrà tornare solo quando le norme lo consentiranno per tutti i teatri e cinema”. Un fulmine a ciel sereno, quando la Rai era già in cerca con urgenza di un pubblico di figuranti per riempire l’Ariston. Un Ariston totalmente nuovo per essere adattato alle norme e alle esigenze anti Covid: rimosse le poltrone, eliminate 18 file e chiusa la galleria. Ma il rischio che i cantanti debbano esibirsi su un palcoscenico senza pubblico è concreto.

LEGGI ANCHE –> Sanremo, annunciata la terza co-conduttrice: la modella più amata e famosa!
LEGGI ANCHE –> Sanremo, prima volta per il pubblico di figuranti: come candidarsi

Sanremo, Amadeus: “Se non prendo il Covid, qui rischio l’infarto”

Sanremo
Amadeus e Fiorello sul palco dell’Ariston (Getty Images)

Amadeus non si smuove e insiste: senza pubblico non ci sarà il Festival della musica italiana, se ne parlerà nel 2022. Posizione ribadita anche al direttore di Rai 1 Coletta e all’amministratore delegato Salini, come ricostruisce il Corriere della Sera. L’edizione online del quotidiano riferisce anche il conduttore è amareggiato e affaticato per le nuove difficoltà, al punto che si sarebbe sfogato con alcuni amici: “Basta, chi me lo fa fare, mollo tutto. Se non mi ammalo di Covid, rischia di venirmi un infarto. Queste sembrerebbero essere state le sue parole, scrive il Corriere.

LEGGI ANCHE –> Sanremo 2021, Amadeus abbandona il Festival: clamorosa indiscrezione

La posizione di Amadeus fa leva sul fatto che il Dpcm permetta la presenza del pubblico negli studi televisivi, e come tale va considerato anche l’Ariston (più che un teatro). In tanti altri show il pubblico in platea è presente, perché non anche a Sanremo? In questa battaglia chiede l’aiuto di Rai, discografia e città stessa di Sanremo: “Lo dobbiamo volere tutti, o siamo compatti e lavoriamo per farlo al meglio oppure salta tutto”.