Covid negli Usa, ieri oltre 4000 vittime: i casi sono 24 milioni

Covid negli Usa, gli States sono primi al mondo. I paesi europei che patiscono di più Regno Unito e Germania

Covid Usa
Covid Usa

Ieri gli Stati Uniti hanno raggiunto il secondo punto più alto di decessi giornalieri dall’inizio della pandemia. I morti registrati sono stati 4229 secondo i dati della Johns Hopkins University. Secondo la Cnn, considerando solo la giornata di ieri, i nuovi casi sono stati stati 178.255, numeri che portano il totale dei contagi a 24.434.283. In questo conteggio sono inclusi i 406.001 morti.

È alto dunque il prezzo che gli States stanno pagando in termini di vite umane. Proprio ieri in occasione dell’insediamento del nuovo presidente Joe Biden, il 46esimo inquilino dalla Casa Bianca nel suo discorso ha voluto ricordare le oltre 400mila vittime con un momento di silenzio e raccoglimento.

Per quanto riguarda i vaccini, fino ad ora sono state distribuite nel paese quasi 36 milioni di dosi (per la precisione 35.990.150) e quelle somministrate sono state 16 milioni e mezzo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid Inghilterra, gli autobus diventano ambulanze: la decisione a Londra

Covid, Usa primi al mondo ma maggiore incremento giornaliero nel Regno Unito

Per numero complessivo di contagi gli Stati Uniti restano primi al mondo ma secondo gli ultimi aggiornamenti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità il maggior incremento di contagi giornalieri è nel Regno Unito con oltre 37mila casi.

Secondo i dati aggiornati ieri in tutto il Regno Unito dall’inizio della pandemia i morti sono 91mila e i casi in totale quasi 3 milioni e mezzo. Considerando solo gli incrementi giornalieri, dopo il Regno Unito c’è il Brasile con circa 33mila casi al giorno. Nel grande paese sudamericano c’è lo Stato dell’Amazzonia che soffre particolarmente con gli ospedali senza più ventilazione per i pazienti più gravi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Twitter, bloccato l’account dell’ambasciata cinese in America: il motivo

Al terzo posto nel mondo c’è la Russia con oltre 24mila casi al giorno, 3 milioni e mezzo in totale e 65mila decessi. In questa triste classifica segue la Colombia con 2 milioni totali di casi e 50mila morti. Il secondo paese europeo è la Germania che dall’inizio dell’emergenza conta 50mila vittime.