Controlli anti Covid: 720 mila verifiche tra persone e attività commerciali

I controlli anti Covid della Polizia nell’ultima settimana appena trascorsa: verifiche per oltre 720 mila tra persone e attività commerciali.

controlli covid
Controlli di polizia anti Covid nella settimana 11-17 gennaio 2021

Il Ministero dell’Interno oggi ha diffuso i dati dei controlli anti Covid effettuati dalla Polizia nella settimana 11-17 gennaio 2021. In aumento i controlli sul rispetto delle misure di contenimento e anti-contagio da Covid-19 nella settimana scorsa, che ha fatto registrare un + 1,7% di verifiche sulle persone e un + 9,6% sugli esercizi commerciali.

Dall’11 al 17 gennaio scorsi, infatti, i controlli hanno riguardato 623.511 persone e 100.274 attività ed esercizi commerciali, con 7.136 persone e 389 titolari di attività sanzionati, oltre a 81 persone denunciate e 201 chiusure di esercizi.

Nella sola giornata di ieri, 17 gennaio, sono state controllate 82.051 persone, 1.325 sanzionate e 3 denunciate per violazione dell’obbligo di rispettare la quarantena. Gli esercizi commerciali controllati sono stati 11.808, con 27 chiusure e 65 titolari sanzionati.

LEGGI ANCHE –> DIRETTA – Conte alla Camera: “Crisi senza fondamento: provocherà danni”

Controlli anti Covid: i dati diffusi dal Viminale

controlli covid
Una volante della Polizia (Getty Images)

Nell’ultimo fine settimana, i numeri sono i seguenti: 163.021 le persone controllate, 2.661 quelle sanzionate e 16 denunciate. Le attività commerciali e gli esercizi controllati sono stati 24.938, i titolari sanzionati 148 e i provvedimenti di chiusura 79.

LEGGI ANCHE –> WhatsApp, la nuova truffa ruba i dati bancari: come difendersi

Nel pomeriggio il Viminale ha pubblicato online la circolare indirizzata ai prefetti con le indicazioni sull’applicazione delle ulteriori misure introdotte dal decreto legge 2/2021 e dal Dpcm del 14 gennaio 2021 per fronteggiare l’epidemia Covid-19. Lo spostamento tra Regioni sarà consentito se diretto verso la propria residenza, domicilio o abitazione.

A differenza dal decreto precedente, la circolare del Ministero dell’Interno non fa riferimento alle seconde case. Nel decreto legge – valido per le festività natalizie e fino al 15 gennaio – presentava l’esplicito divieto di spostamento verso le seconde case.