Irpinia, focolaio coronavirus dopo una festa tra ragazzi

Irpinia, nuovo focolaio coronavirus nel Comune di San Martino Valle Caudina. All’origine del contagio c’è stata una festa tra ragazzi.

Irpinia
Bollettino coronavirus del Comune di San Martino Valle Caudina

San Martino Valle Caudina, in Irpinia, registra nuovamente un focolaio di coronavirus. Dieci casi sono finora accertati, si attendono i risultati di altri venti tamponi. All’origine del contagio c’è stata una festa organizzata da alcuni ragazzi la settimana scorsa. Dopo la festa, il virus ha cominciato a circolare all’interno della parrocchia locale, spiega Sky Tg24: alcuni dei contagiati, infatti, frequentano l’oratorio della chiesa e avrebbero avuto contatti con il sacerdote. I dieci casi finora accertati comprendono ragazzini di poco meno di 14 anni, con altri anche più piccoli, e l’aiuto parroco. Venti persone attendono l’esito del test effettuato, poi l’ASL di Avellino estenderà i controlli anche ai familiari di chi è risultato positivo.

LEGGI ANCHE –> Napoli in zona gialla, torna la movida: caos al centro storico

Focolaio in Irpinia, il sindaco chiude le scuole

Irpinia
Coronavirus e scuola: la situazione in Campania

Il sindaco di San Martino Valle Caudina Pasquale Pisano ha emesso un’ordinanza per chiudere le scuole primarie e dell’infanzia, così da evitare un’ulteriore circolazione del virus. L’obiettivo – in accordo con l’ASL avellinese è operare uno screening completo dei ragazzi e delle loro famiglie prima del rientro tra i banchi. Il ritorno a scuola, infatti, al momento è fissato per lunedì 25 gennaio.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus Campania, il bollettino Regione di oggi

Oggi a livello regionale l’intera Campania ha registrato 1021 contagi a fronte di 14.588 test (un numero che comprende sia una maggioranza di tamponi molecolari sia i 1009 antigenici). 12 nuovi morti, per un totale di 3370 dall’inizio dell’epidemia. In Campania le scuole restano chiuse, ad eccezione delle classi dell’infanzia e della primaria fino alla terza elementare. Il ritorno per le altre classi sarà ancora graduale, valutato in base alla situazione epidemiologica del territorio.