Sorrento, è morta la balena rimasta incastrata sotto la banchina

Sorrento, non ce l’ha fatta il cetaceo che ieri era entrata in Marina Piccola. Inutili i tentativi per farla riprendere il largo

Belena sorrento
Screen YouTube

La balena non ce l’ha fatta. È morto il cetaceo che nei pomeriggio di ieri era rimasta intrappolata a venti metri di profondità nella banchina di Marina Piccola a Sorrento. Aveva perso il largo forse inseguendo un’imbarcazione che era approdata nel porto. I sommozzatori l’hanno trovata a 15 metri di profondità.

Provando a trovare uno sbocco che le potesse aprire il mare aperto ha subito diverse ferite. Lunga 26 metri per 40 tonnellate, non è riuscita a trovare la via nonostante gli aiuti della Capitaneria di Porto. Questa mattina è stato individuato il punto del fondale marino dove l’animale era rimasto privo di vita.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus Campania, due nuovi casi a scuola

Sorrento, balena morta nel porto: ora la fase di recupero

Ora dovrà essere avviata la complicata fase di recupero che coinvolgerà vari enti. Con la coordinazione dell’Asl e del Cetacean stranding Emergency Response Team (il coordinamento ministeriale che opera su recuperi del genere), ci sarà anche una delegazione della delegazione della Stazione zoologica Anton Dohrn, presente al porto anche questa mattina.

Secondo alcune testimonianze (documentate anche da video) la piccola balena giunta al centro del porto ha sbuffato. A quel punto ha provato a cambiare rotta, facendo inversione. Si è avvicinata troppo all’angolo della banchina, senza riuscire a ritrovare la strada. È stata poi vista inabissarsi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Secondigliano, tragedia al carcere: operaio cade dal tetto e muore

Che abbia provato a seguire un’imbarcazione è solo un’ipotesi. C’è anche quella del forte vento che forse ha spinto il cetaceo verso il porto ma è plausibile anche la concomitanza di entrambe le ipotesi.