WhatsApp, utenti dicono addio: quali sono le migliori alternative

I nuovi termini di servizio imposti da WhatsApp hanno portato molti utenti a dire addio. Andiamo a vedere quali sono le migliori alternative.

WhatsApp alternative
Le migliori alternative dell’app di messaggistica (Pixabay)

Ad oggi WhatsApp resta l’applicazione di messaggistica più famosa al mondo, con oltre due miliardi di utenti in giro per il mondo e con poche alternative davvero valide. Ma la stessa app del gruppo Facebook ha creato non pochi malumori dopo la pubblicazione dei nuovi termini di servizio. Infatti l’azienda ha imposto agli utenti di accettare il nuovo Tos, infatti se non verranno accettate le condizioni non sarà più possibile utilizzare l’applicazione dal prossimo 8 febbraio.

POTREBBE INTERESSARTI >>> WhatsApp, arriva una nuova funzione utilissima: quando sarà disponibile

Così dall’8 febbraio sarà obbligatorio condividere i dati di WhatsApp con quelli di Facebook, altrimenti sarà meglio disinstallare direttamente l’applicazione. In molti utenti, in queste ore sono disposti a trasferirsi su altre applicazioni. Le alternative sono diverse ed alcune sarebbero vicine a WhatsApp per potenzialità, andiamo a scoprire queli sono e soprattutto quali funzioni aggiuntive presentano.

WhatsApp, tutte le migliori alternative: utenti pronti a migrare

WhatsApp alternative
Le migliori applicazioni pronte a competere con l’app del Gruppo Facebook (Screenshot)

L’applicazione concorrente numero uno di WhatsApp, ad oggi, è Telegram. Un vero e proprio colosso dell’app di messaggistica, infatti, l’app rispetta moltissimo la privacy degli utenti e soprattutto presenta funzioni che WhatsApp ha copiato per rimanere al passo coi tempi. A danneggiare la reputazione dell’applicazione, però, sono i numerosi gruppi truffaldini presenti al suo interno, tra link e veri e propri malviventi che riescono a guadagnare dall’applicazione.

POTREBBE INTERESSARTI >>> WhatsApp, buono Esselunga da 500 euro: cosa c’è di vero

Mentre invece tra le soluzioni ci potrebbe essere Signal, applicazione promossa addirittura dalla Commissione Europea. Il suo sistema di crittografia è impeccabile e la sicurezza sull’applicazione è a dir poco garantita. Infine la terza applicazione concorrente è Viber, l’app dall’icona viola ed usatissima negli Usa. Quest’ultima permette di usufruire di diverse funzioni tra cui le più classiche come chiamate, videochiamate, invio di file multimediali e tanto altro.

Così il dominio di WhatsApp potrebbe essere messo a repentaglio nell’anno nuovo, da tutte queste concorrenti pronte ad attirare milionmi di utenti.