Covid, OMS: “Niente immunità di gregge nel 2021”

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) avverte che non si raggiungerà l’immunità di gregge nel 2021 contro il Covid.

covid
Vaccino Covid (Getty Images)

Il 2020 è stato l’anno del coronavirus, un anno fa la Cina ufficializzava i primi morti di questa misteriosa ed allora sconosciuta malattia. Il 2021 si è aperto con la grande speranza del vaccino, che ha cominciato ad immunizzare milioni di persone nel mondo. In Italia, ad esempio, sono stati 654.362 i vaccinati in totale in questi primi giorni di gennaio. L’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) nel consueto briefing sull’andamento della pandemia ha espresso le proprie previsioni. I vaccini non basteranno: nel 2021 non si raggiungerà l’immunità di gregge contro il Covid. Sarà necessario – spiega il direttore generale Tedros Adhanom – proseguire sulla strada del distanziamento sociale e dell’uso delle mascherine. Inoltre, dall’OMS è venuta la richiesta per far sì che entro i prossimi 100 giorni le vaccinazioni per gli operatori sanitari ed i soggetti ad alto rischio siano in corso in tutti i Paesi. Un’iniziativa che dovrà essere “un impegno collettivo”.

LEGGI ANCHE –> WhatsApp, tutte le migliori alternative sull’App Store

Niente immunità di gregge contro il Covid

Covid
Sydney (Getty Images)

Nel mondo si è superata la quota 90 milioni di contagi dall’inizio della pandemia, di cui 49,9 milioni guariti. Questi i dati diffusi dal Coronavirus Resource Center della americana Johns Hopkins University, i morti sfiorano i due milioni (1.939.488). Gli Stati Uniti sono il Paese più colpito dal Covid: quasi 22 milioni e mezzo di contagi, seguito da India (dieci milioni) e Brasile (otto milioni). In Europa c’è la Russia al primo posto, seguita da Regno Unito e Francia. A livello mondiale ci sono poi Turchia e Italia (2.289.021 contagi totali).

LEGGI ANCHE –> Vaccino Covid, in arrivo prime dosi Moderna: cambiano le regole