Vaccino Covid, in arrivo prime dosi Moderna: cambiano le regole

Sono in arrivo in Italia le prime dosi del vaccino di Moderna. Cambiano anche le regole sulla distribuzione: premiate le regioni che hanno finito le scorte.

vaccino Moderna
Arrivano le prime dosi del farmaco americano (Getty Images)

Proseguono a gonfie vele le vaccinazioni in Italia, con ben 643.219 dosi somministrate in tutto il paese. Specialmente alcune regioni come Campania, Toscana e Lazio stanno risultando le eccellenze di questa campagna vaccinale. Una vera e propria volontà quella di immunizzare tutti il prima possibile, per cercare di ritrovare la normalità. Proprio tornando alla normalità, il Governo sta pensando in introdurre la zona bianca, ossia quelle zone dove l’Rt è tanto basso da permettere il ritorno ad una sorta di situazione pre-pandemica.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Saturimetri da oggi distribuiti gratis in farmacia: l’iniziativa

Come detto, però, l’intera Italia si sta dimostrando una delle nazioni più virtuose con ben il 70% delle dosi ricevute che già sono state somministrate. Tra Le regioni che hanno dato una notevole accellerata troviamo anche Veneto e Umbria, che insieme alla Toscana hanno quasi esaurito tutte le dosi di vaccino. Ma l’accellerata potrebbe arrivare nelle prossime ore, infatti in Italia è in arrivo il vaccino di Moderna che porterà anche un cambiamento della regola sulla distribuzione. Andiamo quindi a vedere quante dosi stanno arrivando in Italia.

Vaccino Moderna, in arrivo le prime 47mila dosi: premiate le migliori regioni

vaccino moderna
La nuova arma contro la pandemia arriva in Italia (Getty Images)

Durante la giornata odierna, sono in arrivo in Italia le prime dosi del vaccino di Moderna, prodotto completamente in America e sotto la supervisione del virologo Anthony Fauci. L’Ue non ha opzionato tantissime dosi del vaccino di Moderna, ma una volta dimostrata la sua efficacia si è deciso per la stipulazione di nuovi contratti. Così in questo secondo V-Day vedremo l’arrivo delle prime 47mila dosi. Mentre invece in settimana dovrebbero arrivare altre 67mila dosi.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Vaccino, nuove scorte a Napoli. Niente più file alla Mostra d’Oltremare

Il farmaco di Moderna non sarà indirizzato al personale sanitario, bensì a tutti gli over 80. Così sarà distribuito alle regioni in base alla quantità di popolazione al di sopra degli 80 anni, ma non solo. Infatti il Governo ha deciso di premiare le regioni più virtuose, andando a distribuire più dosi a coloro che hanno terminato o quasi finito la prima partita di vaccini Pfizer/Biontech.

Mentre invece poi resterà alle regioni stesse la decisione di impiegare il farmaco di Moderna anche per gli operatori sanitari o continuare con il farmaco di Pfizer/Biontech per questa categoria. Infatti se dovesse avvenire un nuovo ritardo nelle consegne di Pfizer, si potrebbe optare per il farmaco di Moderna anche per medici ed infermieri. Infatti il vaccino totalmente americano arriverà all’areoporto militare di Pratica di Mare, per poi essere smistato nei vari centri di distribuzione.