Joseph Caprari, il deejay casertano accoltellato dal padre

Joseph Caprari, dopo una furibonda lite con il genitore è stato colpito al torace. Arrestato per tentato omicidio

Joseph Capriati
Foto Facebook

Il 33enne deejay di Caserta Joseph Caprari è in pericolo di vita. Al culmine un lite con il padre e altri familiari, l’uomo, 61 anni, ha impugnato un coltello da cucina e ha colpito il figlio all’addome. È intervenuta la squadra volante della Questura di Caserta che ha portato in padre in carcere a Santa Maria Capua Vetere con la pesante accusa di tentato omicidio.

Il deejay e produttore discografico vive in Spagna ma vista la pandemia e il periodo di fermo lavorativo a causa delle restrizioni anti-contagio, il deejay era nella casa in Italia con il padre. L’arma che ha ferito gravemente il giovane è stata ritrovata e sequestrata dai poliziotti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Torino, due maestre d’asilo accusate di maltrattamenti: i fatti

Joseph Caprari, chi è

Happy new year 2021 to everyone, with the big wish to see you all again soon. Sending so much love and positive energy 🎉💖✌️

Pubblicato da Joseph Capriati su Venerdì 1 gennaio 2021

Ha cominciato la carriera a undici anni esibendosi a Caserta e dintorni. Prince J era inizialmente il suo nome d’arte, cambiato con quello attuale con il quale è famoso. Microbiotik, canzone del 2007, è il suo primo grande successo. Nel 2008 si esibì al Awakenings durante il Capodanno di Rotterdam.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Vaccino italiano, la presidente di ReiThera: “Potrebbe arrivare in estate”

Negli ultimi anni il suo nome è circolato sempre di più, in tutto il mondo tanto che nel 2013 fece un tour negli Stati Uniti, da New York a San Francisco. Tre anni fa ha battuto un record personale: a Miami ha suonato interrottamente per venticinque ore e trenta minuti al Club Heart.