USA, Biden certificato presidente dal Congresso

Joe Biden certificato dal Congresso come nuovo presidente degli Stati Uniti d’America. Dopo l’assalto, la seduta è ripresa a Washington.

Biden
Joe Biden (Getty Images)

Joe Biden è stato certificato dal Congresso come nuovo presidente degli Stati Uniti d’America. La vittoria del presidente eletto è stata proclamata a Washington intorno alle due e mezza italiane (le venti e trenta americane). La seduta del Congresso a camere riunite ha certificato i voti del collegio elettorale: 306 voti per Biden contro i 232 del presidente uscente Trump. Il giuramento del nuovo presidente democratico e della nuova vicepresidente Kamala Harris avverrà il 20 gennaio, giorno del passaggio di consegne ufficiale. Il Congresso ieri era stato obbligato a sospendere i lavori per l’assalto dei sostenitori di Trump a Capitol Hill. C’è chi si è introdotto fin dentro le sale, arrivando anche nell’ufficio privato della speaker della Camera Nancy Pelosi, da cui sono stati trafugati alcuni documenti privati.

LEGGI ANCHE –> Trump bloccato su Twitter e Facebook: ipotesi rimozione della presidenza

Il Congresso certifica la vittoria di Biden

Biden
Joe Biden e Kamala Harris (Getty Images)

Il presidente eletto Joe Biden è intervenuto in diretta televisiva per rivolgere un appello ai manifestanti all’esterno di Capitol Hill. Un tentativo di colpo di stato, per cui fin da subito la Pelosi aveva richiesto l’intervento della guardia nazionale (arrivato soltanto dopo alcune ore). L’approvazione all’invio della guardia nazionale – scrive il New York Times – non è arrivato da Trump, ma dal suo vicepresidente e presidente del Senato Mike Pence.

LEGGI ANCHE –> Vaccini Covid, da Pfizer a Moderna: arrivo in Italia e numero di dosi

La polizia ha cercato di evitare lo scontro aperto, ma gli scontri sono stati ad un certo punto inevitabili. La prima notizia di una vittima è stata una donna colpita al ventre da un colpo di arma da fuoco. Successivamente il bilancio delle vittime si è aggiornato con 13 feriti e 52 arrestati, molti per violazione del coprifuoco scattato alle 18 a Washington (la mezzanotte italiana).

E intanto gli Stati Uniti registrano un nuovo record di morti per coronavirus. Nelle ultime ventiquattro ore sono stati 3.865 i decessi, 253.145 i nuovi casi (dati Johns Hopkins University).