Trump bloccato su Twitter e Facebook: ipotesi rimozione della presidenza

Dopo l’assalto al Campidoglio, Donald Trump ha visto il blocco dei propri canali social Facebook e Twitter: intanto si riflette sulla rimozione della presidenza

Trump

Facebook e Twitter hanno deciso di bloccare per le prossime 12 ore gli account del presidente uscente degli Usa, Donald Trump. La mossa senza precedenti è arrivata a seguito dell’assalto al Campidoglio da parte dei suoi sostenitori dopo che il tycoon si è dato a false accuse sull’integrità delle elezioni di novembre. Twitter fa sapere che ulteriori violazioni delle politiche, incluse quelle sulle minacce violente, porteranno alla sospensione permanente dell’account.

LEGGI ANCHE—> Cina contro Oms: il governo non vuole indagini sull’origine del Covid

Usa, si pensa alla rimozione di Trump dal suo incarico

Usa Trump attacchi hacker

Dopo l’assalto al Campidoglio da parte dei sostenitori di Trump, all’interno della Casa Bianca si riflette sull’invocazione del 25esimo emendamento per rimuovere il tycoon dalla presidenza. Secondo quanto riportato da Cbs, il vicepresidente Mike Pence potrebbe seriamente considerare questa possibilità per “preservare la democrazia”.

LEGGI ANCHE—> Coronavirus Inghilterra, nuovo record di casi: atteso il discorso di Johnson in serata

Il venticinquesimo emendamento destituisce il presidente dal suo incarico quando riconosciuto incapace di adempiere ai poteri ed ai doveri della carica. A potervi fare ricorso è il vicepresidente che va, a quel punto, a sostituirlo. “Il presidente – secondo Timmons – sta incitando alla violenza e violando il giuramento alla Costituzione, favorendo l’anarchia rispetto alla democrazia. Non può proseguire per altri 14 giorni”.