Festa di Capodanno senza regole: Codacons manda esposto alla Procura

Festa di Capodanno a Padenghe, fa ancora discutere il pranzo sul lago di Garda: la magistratura potrebbe aprire un fascicolo

Festa capodanno
Screen video

Musica, balli, brindisi: classica festa di Capodanno in un hotel di lusso a Padenghe, sul Lago di Garda, nel Bresciano, con gli invitati senza mascherina. Violate le regole anticovid e video finiti sul web.

Era 126 gli invitati tra questi anche l’influencer Davide La Cerenza che come altri ha postato le immagini sul propri canali nonostante l’invito della proprietà della struttura a non farlo.

Ivan Favalli, il gestore del locale, ha chiesto scusa sostenendo che la cena era stata servita secondo le prescrizioni della legge. Era infatti consentito consumare pasti all’interno delle strutture ricettive ma solo presso le proprie camere.

“Qualcuno ha causa di un bicchiere di troppo ha esagerato” ha detto Favalli, ma la sensazione che ciò potesse succedere era prevista tanto che su ogni tavolo c’era scritto di non divulgare le immagini.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Italia, vaccinate contro il Covid 45 mila persone: novità dal 7 gennaio

Festa di Capodanno a Padenghe, denuncia del Codacons

L’idea di partecipare a una festa e non farlo sapere era forse insopportabile per qualcuno che non ha resistito e ha voluto dire “io c’ero”. L’ha fatto però in piena zona rossa, nel corso di una pandemia che ancora non si arresta.

In questo caso sono previste multe di almeno 400 euro e ha polizia municipale è in possesso dei nomi di tutti i 126 ospiti. Tra questi c’era anche Stefania Nobile, la figlia di Vanna Marchi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Vaccino Covid: l’OMS approva il Pfizer, svolta per i Paesi in via di sviluppo

Il gestore ha aggiunto che non è neanche facile gestire alcuni clienti che pagano tanto. Non è esclusa la chiusura temporanea del locale. Tra le prime persone che hanno pubblicato i video per denunciare quanto accaduto c’è la blogger Selvaggia Lucarelli. Il Codacons ha presentato un esposto alla Procura di Brescia. Si profila quindi l’apertura di un fascicolo penale nei confronti dell’hotel e degli ospiti.