Torre Annunziata, arrestato per tangenti un funzionario comunale

Torre Annunziata, arrestato per tangenti un funzionario comunale: avrebbe intascato 10mila euro da un imprenditore vincitore dell’appalto

Torre Annunziata
Il palazzo di giustizia di Torre Annunziata (WebSource)

A Torre Annunziata, in provincia di Napoli, c’è un’indagine molto ampia su un giro di mazzette. Da questa ieri sono scattate le manette per il capo dell’Ufficio tecnico del Comune, Nunzio Ariano.

L’uomo, 63 anni, secondo le Fiamme gialle ha intascato una tangente di 10mila euro. L’arresto è stato eseguito dalla Guardia di Finanza quando Ariano era in villa comunale. I soldi sono stati trovati nella sua macchina.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Claudia Alivernini, insulti e minacce sui social per la prima vaccinata

La mazzetta l’avrebbe ricevuta da un imprenditore che ha vinto un appalto di “somma urgenza” di 200.000 per l’adeguamento degli istituti scolastici secondo le norme anti-covid in vista della riapertura delle scuole previste con il nuovo anno. Secondo l’Ansa, la vincita dell’appalto è avvenuto proprio ieri, quando il dirigente è stato arrestato.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Mareggiata Napoli, riapre via Partenope. Il Sindaco: “Tornerà a splendere”

Torre Annunziata, il dirigente è già sotto processo

Pubblicato da ANSA Campania su Martedì 29 dicembre 2020

La scuola in Campania dovrebbe riaprire il prossimo 7 gennaio ma accanto alla data c’è ancora il punto interrogativo come lo stesso De Luca ha detto qualche giorni fa. Dipende dall’andamento dell’epidemia nei primi giorni dell’anno ma gli enti locali si stanno comunque attivando per prepararsi alla riapertura.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus Campania, in arrivo 40mila nuove dosi

Per tale motivo l’appalto per alcuni istituti di Torre Annunziata sono di “somma urgenza” per velocizzare i tempi. La persona ieri fermata con i soldi è stata portata presso l’ospedale napoletano di Poggioreale in attesa della convalida dell’arresto. Dal 2015 il dirigente è sotto processo con altre persone per abuso d’ufficio. Dopo l’arresto la Guardia di Finanza ha perquisito il suo studio professionale, gli uffici comunali e la sua abitazione.