Terremoto Pozzuoli, pericolo fango bollente: l’annuncio del Comune

Nuova scossa di Terremoto a Pozzuoli questa mattina. Con un comunicato il Comune annuncia il pericolo fango bollente nella zona Pisciarelli.

Terremoto Pozzuoli
L’epicentro del sisma nel puteolano (via Screenshot)

Questa mattina una nuova scossa di terremoto ha colpito Pozzuoli. Infatti la scossa sismica ha fatto tremare tutto il comune puteolano poco dopo le nove del mattino. La zona è altamente sismica, infatti ricordiamo che il comune in provincia di Napoli fu protagonista del fenomeno conosciuto come bradisismo, intorno agli anni ’80. La placca della zona sembrebbe essersi risvegliata e questo non è altro che la seconda scossa in appena due settimane.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Percepivano Reddito di Cittadinanza ma avevano 177mila euro in contanti

Seppur il sisma non sia stato particolarmente violento, il comune di Pozzuoli ha deciso di imporre il divieto di avvicinarsi all’area Pisciarelli, ossia quella della Solfatara, per possibile fuoriuscita del fango bollente. Il terremoto di stamattina si è verificato tra il quartiere di Agnano e la cittadina flegrea questa mattina. Andiamo quindi a vedere tutti i dettagli del sisma che ha scosso la città questa mattina.

Terremoto Pozzuoli, scossa di magnitudo 2.6: trema l’area flegrea

Terremoto Pozzuoli
Tutti i dettagli del terremoto che ha colpito l’area flegra (Getty Images)

Come abbiamo anticipato, il terremoto ha colpito Pozzuoli durante la giornata odierna. Infatti a riportare la scossa sismica ci ha pensat l’INGV, ossia l’Istituto Nazionale di Geologia e Vulcanologia. Stando ai dati riportati dall’Ingv la scossa sarebbe stata avvertita intorno alle 09:09 del mattino, ed avrebbe raggiunto l’intensità 2.6 della scala Richter. Abbiamo quindi subito una scossa si forte da essere avvertita anche ad Agnano, ma non in grado di creare danni.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Coronavirus Italia, la Campania è la Regione con il minor indice di contagio

Inoltre come riporta l’Istituto Nazionale, il terremoto ha avuto coordinate: 40.83 latitudine e 14.14 longitudine, ad una profondità di 2 km. Con un post su Facebook, il primo cittadino puteolano ha affermato: “L’evento potrebbe essere stato avvertito come boato dagli abitanti dell’area prossima all’epicentro. L’amministrazione sottolinea alla cittadinanza il divieto di avvicinarsi all’area di emissione di fluidi di Pisciarelli per il pericolo di emissioni di fango ad alta temperatura“, ricordando il pericolo scaturito dal sisma.