Vaccino Pfizer in Usa, segnalata grave reazione allergica

Vaccino Pfizer in Usa, reazione per una donna operatrice in un ospedale dell’Alaska: è stata tra le prime a fare l’iniezione

Come in Gran Bretagna anche negli Stati Uniti il vaccino della Pfizer e Biontech, come quasi tutti i vaccini al mondo, ha provocato una reazione allergica. Come riferisce il New York Time, un’operatrice del Barlett Regional Hospital di Juneau, in Alaska, ha avuto una reazione allergica ma ora le sue condizioni sono stabili.

La donna che ha ricevuto il vaccino era una di quelle che ha fatto parte della campagna pubblicitaria e pertanto la sua iniezione è stata trasmessa anche in televisione. La reazione è stata forte ma inizialmente è durata solo dieci minuti. In Gran Bretagna le autorità hanno vietato, al momento, il vaccino alle persone che soffrono di pesanti e pregresse allergie. La donna statunitense in questione non è soggetta ad alcuna forma allergica.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Vaccino Covid in Gran Bretagna: le prime reazioni allergiche

Reazione al vaccino Pfizer, cos’è successo alla donna

Poco dopo l’iniezione l’operatrice ha sviluppato dei rush cutanei (irritazione, gonfiore e colore diverso della palle su alcune zone), ma anche tachicardia e crisi respiratoria. è stato curata prima con epinefrina poi con gli steroidi.

La situazione successivamente si è aggravata ed è stato necessario il ricovero in terapia intensiva. La donna ora sta bene e i medici hanno fatto sapere che nonostante la disavventura è paziente è entusiasta del vaccino.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, nel mondo oltre 74 milioni di contagi: Usa da record

Il caso ovviamente desta preoccupazione per le gravità in alcuni soggetti delle reazioni allergiche e perché con ricovero in terapia intensiva la donna ha rischiato di perdere la vita.