Banksy racconta i tempi del Covid con uno starnuto: l’ultimo graffito

L’ultimo graffito di Banksy racconta ancora i tempi del Covid, dopo “l’invasione in metropolitana”: questa volta tocca ad uno starnuto.

Banksy
‘Aachoo’

Banksy colpisce ancora, nuovamente nella sua Inghilterra. Il misterioso artista si è messo all’opera a Bristol, sul muro laterale di un colore verde chiaro in Vale Street, periferia della città britannica. L’opera, come mostra uno degli scatti pubblicati su Instagram dallo street artist, si trova sull’ultimo edificio di una ripida discesa. Il soggetto rappresentato è un’anziana con un fazzoletto sulla testa: un violento starnuto le fa perdere borsa e bastone, ma soprattutto fa schizzare via la dentiera ed una gran quantità di saliva. La vita ai tempi del Covid raccontata dall’autore dei graffiti più famosi degli ultimi anni. Già nei mesi scorsi Banksy si era messo al lavoro all’interno di una metropolitana, sensibilizzando all’uso della mascherina. In quell’occasione a starnutire erano i suoi famosi topi (apparsi più volte nel corso del tempo).

LEGGI ANCHE –> Time, Biden e Kamala Harris sono le persone dell’anno 2020

Banksy colpisce ancora in Inghilterra: lo starnuto Covid

Banksy
Banksy mostra (Getty Images)

Il 2020 volge al termine, ma il coronavirus resta. Per questo motivo l’attenzione deve mantenersi alta anche nei prossimi mesi. Uno starnuto senza la mascherina può immettere nell’aria una quantità enorme di virus, andando così ad infettare nuove persone. Non a caso il murales si intitola “Aachoo!”, versione inglese del suono dello starnuto “etcì”.

LEGGI ANCHE –> Star Wars: annunciato nuovo film per Natale 2023, novità sulle serie

Tra gli scatti social anche l’effetto che spinge via un uomo con l’ombrello reverso. La forza dello starnuto colpisce tutti, il messaggio del mister X dello street artist. Subito l’edificio è diventato meta di curiosi, recentemente messo in vendita adesso potrebbe vedere aumentato di gran lunga il suo valore economico. La scoperta del graffito è avvenuta dal passaggio in zona di alcuni residenti, la conferma della “paternità” poi l’ha data lo stesso Banksy sul proprio sito web e su Instagram.