Coronavirus, Abruzzo in zona arancione: l’ordinanza di Marsilio. Nessuna regione più in zona rossa

Con l’ordinanza regionale firmata dal presidente dell’Abruzzo, Marco Marsilio, nessun territorio è in zona rossa nel contrasto al Coronavirus.

Coronavirus Abruzzo bollettino
Il bollettino sui dati Coronavirus in Italia nella giornata odierna (WebSource)

L’Italia, in queste ore, si trova a poter finalmente respirare. Le misure messe in atto contro il Covid-19 nell’ultimo mese hanno portato i propri frutti. Dalla giornata di domani, infatti, nessuna Regione del nostro paese si troverà in zona rossa. Nelle ultime ore, anche l’Abruzzo ha effettuato il passaggio decisivo in arancione.

La situazione, quindi, sembra essere rientrata sotto il controllo delle istituzioni e dei medici. Resta ancora alto il numero dei decessi: ancora oggi, infatti, si registrano 564 morti. I contagi, però, calano e così anche il tasso di positività si riduce. Resta stabile, al momento, poco oltre il 10% al giorno. Oggi, ad esempio, si è registrano un 11,5% con una leggera crescita del +0,8%.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, il bollettino di oggi 6 dicembre

Coronavirus, l’Abruzzo passa in zona arancione

bollettino coronavirus

Come si diceva in precedenza, l’ultima Regione ad uscire dalla zona rossa sarà l’Abruzzo. Proprio in queste ore, infatti, il presidente del territorio, Marco Marsilio, ha firmato l’ordinanza che sancirà il passaggio in zona arancione.

Dalla giornata di domani, quindi, in Abruzzo riapriranno i negozi e le attività commerciali. Da mercoledì, invece, i ragazzi di seconda e terza media potranno tornare a scuola, come stabilito su base nazionale. La decisione, precisa il presidente, arriva dopo il monitoraggio dei dati del fine settimana. Stando a quanto si apprende, il Comitato Tecnico Scientifico regionale si è trovato di fronte a dati che non si registravano dallo scorso 23 ottobre. Per questo motivo, quindi, il presidente Marsilio ha firmato l’ordinanza che permetterà all’Abruzzo di passare in zona arancione già dalla giornata di domani.

LEGGI ANCHE >>> Covid, l’allarme della Fondazione Gimbe: “A gennaio si rischia strage”