Napoli, sequestrate 3 tonnellate di rifiuti: erano destinati in Libia

Sequestrate tre tonnellate di rifiuti a Napoli, i quali erano destinati illegalmente in Libia: i dettagli della vicenda

Napoli
Napoli

I funzionari dell’ufficio Dogane di Napoli 2 – Sezione Nola, insieme al gruppo della Guardia di Finanza, hanno concluso un’operazione di contrasto del traffico illecito di rifiuti con due differenti interventi di sequestro di materiale diretto in Libia e prodotti tessili usati che provenivano dalla Svizzera. Il tutto è avvenuto dopo una precisa analisi dei rischi.

I funzionari delle Dogane ed i finanzieri di Nola hanno monitorato costantemente i flussi dei beni dichiarati usati, sia in import che in export, ed hanno individuato un autocarro dichiarato vuoto e destinato in Libia. All’interno erano presenti 3 tonnellate tra rifiuti e materiali degradati come serbatoi e pneumatici.

Sono stati individuati anche tre autocarri provenienti dalla Repubblica Elvetica per un totale di 46 tonnellate tra vestiti, scarpe ed altro materiale, ancora presente nei sacchetti per rifiuti, dichiarati come oggetti da rigattiere. Ovviamente non è stata applicata alcune regola inerenti il traffico dei rifiuti.

LEGGI ANCHE—> Sanità Calabria, Longo: “Non ho paura! Piena collaborazione con Strada”

Napoli, traffico illegale di rifiuti: scattano le denunce

riccione

Sono scattate denunce per soggetti nazionali, destinatari o promotori del traffico, sia stranieri che hanno spedito e trasportato i rifiuti. Sottoposti a sequestro anche i mezzi utilizzati. L’operazione congiunta delle Dogane e della Guardia di Finanza si è rivelata efficace per la tutela del mercato e dei liberi scambi e alla salvaguardia dell’ambiente e della salute.

LEGGI ANCHE—> Palermo, coppia adescava minori in rete: arrestati