Virus, nuova ordinanza in Sicilia: le novità della domenica e festivi

Virus, ordinanza in Sicilia che è zona arancione ma il governatore Nello Musumeci ha firmato per la chiusura di alcune attività

ORINANZA SICILIA
Nello Musumeci, governatore della Sicilia (Getty Images)

La domenica e nei giorni festivi in Sicilia resteranno aperte solo farmacie, parafarmacie, edicole, tabacchi, i servizi a domicilio per gli alimentari e i riscaldamenti domestici. Nello Musumeci ha quindi deciso per ulteriori restrizioni rispetto a quelle previste per le fasce arancioni dove l’isola è stata collocata.

Il motivo dell’inasprimento non è causato da un peggioramento del numero dei contagi, anzi. “Siamo in una fase di grande attenzione”, ha detto il presidente della giunta regionale e proprio perché ci sono dei segnali positivi si vuole dare una spinta, chiedendo ulteriori sacrifici ai siciliani.

Sul mezzi di comunicazioni si sono viste immagini di assembramenti nei giorni festivi, ha detto Musumeci, e non si vuole quindi sprecare l’occasione del piccolo calo dei contagi: “Chiediamo a tutti uno sforzo nelle prossime importanti giornate“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, Dpcm 3 dicembre: allo studio riaperture per Natale

Virus, nuova ordinanza in Sicilia. Musumeci: “Lo dobbiamo ai medici”

Musumeci sostiene che questo ulteriore sforzo lo si deve per i medici e tutti gli operatori della sanità che stanno dimostrando di riuscire a intervenire in un modo “senza precedenti”. Lo si deve anche agli operatori economici che stanno subendo il momento e infine “lo dobbiamo a tutti noi”, per tornare il prima possibile alla vita normale.

Prima della decisione Musumeci ha avuto un colloquio con il ministro Roberto Speranza il quale gli ha anticipato che tutte le regioni che ora si trovano in fascia arancione dovrebbero essere confermate in quella zona nella prossima ordinanza ministeriale. Questa è però solo una previsione, oggi ci sarà l’esito suo monitoraggio dei nuovi numeri.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Sondaggi politici, la Lega continua a calare: perdono anche PD e M5S