Coronavirus, il bollettino di oggi 17 novembre

Coronavirus Italia, il bollettino di oggi 17 novembre: contagi, positivi, guariti e morti a livello nazionale nelle ultime 24 ore.

bollettino coronavirus oggi
Il bollettino sui dati Coronavirus in Italia nella giornata di oggi

Le Regioni nella giornata di oggi hanno ribadito la richiesta al Governo di rivedere e semplificare i 21 parametri utilizzati dal Comitato Tecnico Scientifico e dal Ministero della Salute per definire il livello di rischio di ciascun territorio. Sono sempre di più le Regioni che in questi ultimi giorni stanno “cambiando colore”: ultima l’Abruzzo, che dalla mezzanotte sarà zona rossa per ordinanza del governatore Marsilio. Giovanni Toti, presidente della Liguria, ha richiesto “criteri più trasparenti, semplici e aggiornati alla realtà delle singole Regioni”. Il governatore ligure si è poi augurato che possa esserci “un serio confronto politico tra Governo e Regioni sulle misure da prendere in ogni territorio, che tengano conto della situazione economica e sociale”.

LEGGI ANCHE –> Whatsapp, arriva una grossa novità per gli sfondi

Il bollettino coronavirus di oggi


32.191 contagi
a fronte di 208.458 tamponi e 731 morti nelle ultime 24 ore in Italia, sono 15.434 guariti. Il tasso di positività diminuisce del 2,5% e arriva a 15,4%. 120 nuovi ricoveri in terapia intensiva, 538 ricoveri in degenza ordinaria.

La Lombardia resta la Regione con l’incremento maggiore registrato nel bollettino odierno con 8448 nuovi casi. A seguire con tremila contagi c’è il Veneto, terza la Campania. 2606 casi in Piemonte, 2538 nel Lazio, oltre duemila anche in Emilia Romagna e Toscana. 1698 in Sicilia, 1234 in Puglia. 729 contagi in Abruzzo, l’ultima zona rossa decretata in Italia.

536 nuovi casi in Friuli Venezia Giulia, 502 in Sardegna. Sono 680 i contagi in Calabria, Regione che vive un momento difficile, aggravato dal caos attorno alla nomina del commissario speciale alla Sanità. Oggi Gaudio ha rifiutato la nomina: è il terzo in pochi giorni a lasciare il ruolo dopo Cotticelli e Zuccatelli.

LEGGI ANCHE –> Torino, maestra d’asilo licenziata per un video hard: preside denunciata