Covid, l’allarme di Ricciardi e Sibilla: “Napoli va dichiarata zona rossa”

Nuovo allarme di Carlo Sibilla e Walter Ricciardi sulla situazione Covid a Napoli. I due esperti dichiarano la città Zona Rossa.

Covid Napoli
Il consigliere del ministro della Salute, Roberto Speranza (WebSource)

Torna a parlare della situazione Covid in Italia, ed in particolare a Napoli, il consigliere del Ministro della Salute, Walter Ricciardi. Negli ultimi giorni, infatti, Ricciardi ha mostrato tutte le criticità della città partenopea, che andrebbe messa addirittura in Zona Rossa. Al momento però, in attesa delle nuove decisioni previste per venerdì, il capoluogo campano è ancora in zona gialla.

Infatti il consigliere di Roberto Speranza ha riportato le testimonianze di alcuni colleghi che operano nella zona partenopea. Ricciardi ha ricordato che in diverse aree metropolitane gli ospedali sono intasate, e per questo motivo è necessario un lockdown, appunto per bloccare il flusso negli ospedali ed evitare la creazione di nuovi assembramenti, e quindi di nuovi contagi.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Covid Napoli, ospedali al collasso: parte la protesta

Covid Napoli, Sibilla come Ricciardi: “Lockdown necessario”

Covid Napoli
Walter Ricciardi e Carlo Sibilla lanciano un importante avvertimento (via Getty Images)

Nel suo ultimo intervento, Walter Ricciardi ha testimoniato la situazione terribile in cui versano gli ospedali napoletani, affermando che si vedono delle vere e proprie scene di guerra. Il consiglieri ha riportato di alcuni pazienti assistite con l’ossigeno direttamente dalle proprie auto e queste sono scene che non dovrebbero vedersi nella zona gialla, ma solamente in Zona Rossa.

A concordare con le parole di Ricciardi ci ha pensato il sottosegretario all’Interno Carlo Sibilia. Infatti il sottosegretario ha ricordato che Napoli non è Avellino, sono due realtà differenti e proprio per questo vanno differenziate anche le soluzioni. Se infatti non saranno adottate diverse soluzioni, Napoli rischia di diventare la Bergamo della seconda ondata.

Per Sibilla, infatti, il Governo deve gestire bene i dati, capendo che il capoluogo ha necessità differenti rispetto ad altre città campane. Tra le soluzioni di Sibilla c’è solamente il lockdown per fermare il contagio.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Covid, paziente morto al Cardarelli: la Procura apre un’indagine

L.P.

Per altre notizie di Cronaca, CLICCA QUI !