Covid, appello Asl: “A Napoli mancano medici, corsa per i posti letto”

La situazione Covid-19 preoccupa Napoli e specialmente l’Asl che denuncia: servono medici ed è corsa per allestire posti letto.

Covid Asl
L’annuncio del direttore dell’Azienda Sanitaria Locale (via Getty Images)

Nuovo intervento di Ciro Verdoliva sulla situazione Covid-19 a Napoli, con il direttore dell’Asl Napoli 1 che ha testimoniato la situazione di crisi nel capoluogo partenopeo. Infatti, come da previsione, nessun medico in pensione ha risposto alla chiamate di reintegrazione. Così a breve è pronto a partire il nuovo concorso per 40 anestetisti, il ruolo in cui c’è più carenza di personale.

Ma non solo il direttore generale dell’Azienda Sanitaria Locale ha riportato la necessità del rispetto delle regole e soprattutto di un intervento nazionale e rispetto delle regole. Per Verdoliva infatti è da lodare l’impegno di medici di base e di pediatri, anche se è il momento di fare di più. Inoltre per affrontare la crisi, il direttore generale ha affermato che prima dell’11 novembre, il San Giovanni Bosco sarà pronto ad ospitare i primi pazienti Covid.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Covid, Conte alla Camera: “Pandemia corre, 3 aree di rischio”

Covid, dg Asl Napoli 1: “San Giovanni Bosco pronto ad ospitare i pazienti positivi”

Covid Asl
La situazione critica nel capoluogo campano (Getty Images)

Continua quindi ad intensificarsi la lotta contro il Covid-19, con anche l’azienda ospedaliera universitaria Luigi Vanvitelli che ha disposto la temporanea trasformazione di due padiglioni nel Complesso Cangiani. Infatti verranno tratti 50 posti letto sia dall’edificio 3, che dall’edificio 17.

Si sviluppa la situazione anche al Cardarelli, che tra poco avrà altri 20 posti letto ricavati da una tenda dell’esercito di circa 240 metri quadrati. La struttura, posta all’esterno del Pronto Soccorso, verrà attivata tra martedì e mercoledì. Come ha spiegato Giuseppe Longo, questa tenda verrà messa a disposizione per tutti coloro che non hanno sintomi gravi da Covid-19 e quindi servirà per tenere sotto osservazione i pazienti.

I venti posti letto si aggiungeranno ai 23 posti già posseduti dal nosocomio napoletano. Ciro Verdoliva, in merito ai nuovi posti nel Cardaerelli ha concluso ricordando che i pazienti non vogliono solamente una valutazione telefonica, ma anche dal vivo ed un confronto diretto.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Coronavirus, Pregliasco: “Seconda ondata peggio delle prima”

L.P.

Per altre notizie di Cronaca, CLICCA QUI !