Bonus bici, da martedì si possono chiedere i rimborsi online

Bonus bici, martedì è il clik day: al via le domande per i rimborsi parziali ma non in base alla data d’acquisto

Bonus bici
Getty Images

Martedì 3 novembre è il “click day“, il giorno dei rimborsi per chi ha acquistato bici e monopattini. Tra le misure approvate degli ultimi mesi c’erano quelle riguardanti la mobilità nelle grandi città o nei centri con almeno 50mila abitanti. Non sono stati pochi gli italiani che hanno approfittato per comprare un mezzo di trasporto più ecologico.

Basta camminare in strada e notare come siano molto diffusi i nuovi mezzi di trasporto di mobilità individuale. Il bonus può arrivare fino al 60% della spesa con un tetto massimo di 500 euro, fino al 31 dicembre 2020.

Martedì è il giorno in cui si comincerà a richiedere il rimborso sul sito del Ministero dell’Ambiente ma le richieste non avverranno seguendo le date di vendita in base allo scontrino ma in ordine d’arrivo, in base, cioè, a chi per primo si connetterà al sito. Pertanto è previsto un grande flusso di traffico sulla piattaforma ministeriale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Lockdown, lo studio: mirati per territori e categorie di cittadini

Bonus bici, a chi spessa il rimborso

Il pacchetto messo a disposizione dal governo è di 210 milioni di euro (inizialmente erano 10 milioni in meno) ma non c’è stima su quanti potrebbero chiedere il rimborso parziale. In altre parole, i soldi potrebbero non esserci per tutti in tempi brevi e i soldi sui propri conti correnti dovrebbero essere versati – condizionale d’obbligo – entro 15 giorni dalla domanda.

Il rimborso lo possono chiedere i cittadini maggiorenni residenti in capoluoghi di regione e di provincia (alche al di sotto dei 50mila abitanti), e quelli residenti in città di provincia ma in questo caso il numero degli abitanti deve essere superiore ai 50mila. Si tiene in considerazione solo la residenza e non il domicilio.

Per fare la domanda oltre a dover provare l’acquisto con uno scontrino (anche elettronico per i negozi online) è necessario possedere anche lo Spid, il codice di identità digitale). Dal 3 novembre sarà sempre possibile comprare questi mezzi ecologici e ottenere il rimborso parziale ma solo nei negozi convenzionati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Genova, prete sposa uomo morente di 93 anni con 72enne: rischia condanna