Vaccino Covid, presidente Irbm: “Tutti vaccinati entro giugno”

Secondo Paolo di Lorenzo, presidente dell’Irbm di Pomezia, il vaccino Covid arriverà per tutti a Giugno: ecco le sue parole.

Vaccino Covid
Le parole del presidente Irbm di Pomezia (Getty Images)

Questa mattina le parole di Paolo Di Lorenzo, presidente dell’Irbm di Pomezia, hanno sollevato l’aria di tensione che si è creato intorno al tema Covid-19 in Italia. Infatti stando alle parole del presidente Irbm, il vaccino contro il Covid-19, potrebbe essere disponibile per tutti a partire da giugno 2021, ovviamente per tutti coloro che vorranno usufruirne.

L’Irbm, insieme all’università di Oxford nel Regno Unito, ha sviluppato il candidato vaccino anti-Covid e nella giornata di ieri il suo presidente ha parlato alla trasmissione Omnibus, su La7. Infatti Paolo di Lorenzo, sottolinea di non voler essere tanto ottimista, ma afferma che è credibile che la speriminentazione Astra Zeneca-Oxford potrbbe terminare tra fine novembre ed inizio dicembre. Infatti per il presidente è ragionevole una validazione a fine anno.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Covid, Ricciardi allerta: “No cedimenti e illusioni, inverno drammatico”

Covid, vaccino per tutti a giugno: le parole del presidente Irbm di Pomezia

Covid Vaccino
Le parole di Paolo di Lorenzo sul farmaco contro il Coronavirus (Getty Images)

Durante il suo intervento ad Omnibus, Di Lorenzo ha spiegato che dopo la sperimentazione per la documentazione ci vogliono 8-12 mesi. Ma dato la gravità del caso, con tantissimi malati e decessi, potrebbe essere fornita una validazione anticipata, eliminando i tempi burocratici. Riguardo le dosi di vaccino, Paolo di Lorenzo ha dichiarato: “Noi, grazie alla forza economica e organizzativa della leader del progetto, la multinazionale AstraZeneca, abbiamo cominciato a produrre il vaccino già da mesi“.

Di Lorenzo ha ricordato che il ministro Roberto Speranza è stato uno dei primi a prenotarsi per le dosi di vaccino, anticipando le principali potenze dell’Unione Europea. Entro la fine dell’anno, infatti, arriveranno tra i 2 ed i 3 milioni di vaccini. Il contratto tra Ue e AstraZeneca prevede la consegna di 300 milioni di dosi entro giugno 2021. Mentre in Italia arriveranno circa 10 milioni di dosi al giorno. Per questo è credibile che entro giugno tutti gli italiani saranno vaccinati.

Infine, Di Lorenzo ha riportato un sondaggio Istat. Infatti secondo la statistica, circa il 78% degli italiani è già pronto a vaccinarsi. Inoltre nei protocolli un vaccino può essere giudicato tale se raggiunge il 50% di efficacia. Mentre per quanto riguarda il vaccino di AstraZeneca, il vaccino aveva un efficacia del 90% già in fase 1, raggiungendo il 95% con un richiamo.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Castellammare, coronavirus: situazione drammatica al San Leonardo

L.P.

Per altre notizie di Cronaca, CLICCA QUI !