Campania, coprifuoco dalle 23 alle 5: arriva l’ordinanza di De Luca

Il Governatore della Campania, Vincenzo De Luca, lancia l’ordinanza numero 83, che conferma il coprifuoco dalle 23 alle 5. 

Campania Coprifuoco
Nuova ordinanza del governatore De Luca (Facebook)

Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, conferma il coprifuoco dalle ore 23 alle ore 5. Arriva l’ufficialità dell’ordinanza numero 83 sul proprio profilo Facebook. Il coprifuoco stanziato da De Luca durerà da venerdì 23 ottobre a venerdì 13 novembre.

Inoltre nell’ordinanza c’è un messaggio per tutti gli eserci commerciali. Infatti nell’ordinanza si legge: “Gli avventori degli esercizi di svolgimento delle attività indicate al primo periodo sono tenuti a rientrare al proprio domicilio, dimora o residenza entro le ore 23.30“. Una vera e propria mazzata per tutti coloro che hanno un’attività commerciale e che da poco stavano ritornando ad una sorta di normalità.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Covid Napoli, muore dipendente del Comune: l’annuncio di De Magistris

Campania, confermato il coprifuoco dalle 23 alle 5: l’ordinanza di De Luca

COVID-19, ORDINANZA n. 83 DEL 22 OTTOBRESTOP ATTIVITÀ DALLE 23 ALLE 5 DEL MATTINO🔴#CORONAVIRUS: d'intesa con il…

Gepostet von Vincenzo De Luca am Donnerstag, 22. Oktober 2020

Così dopo la decisione di Lombardia e Lazio, anche la Campania adotta il coprifuoco, che sarà utilizzato, per ben 20 giorni. Inoltre nella nota si leggono anche gli unici spostamenti consentiti. Infatti saranno consentiti spostamenti spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità o d’urgenza ovvero motivi di salute.

Ma non solo, è sempre consentito il rientro a casa ma solo se si sta tornando da attività lavorative. Per quanto riguarda lo spostamento tra province è sempre vietato durante tutto l’arco della giornata.

Infine nell’ordinanaza si legge: “Sono consentiti limitatamente al diretto interessato nonché ad accompagnatore, ove necessario, esclusivamente spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, familiari, scolastiche, di formazione o socio-assistenziali ovvero situazioni di necessità o d’urgenza ovvero motivi di salute“.

Arriva così una pesante stangata per tutti i cittadini campani, che intravedevano uno spiraglio di normalità dopo mesi di lockdown. Pesante anche l’ordinanza soprattutto per le attività commerciali, che adesso rischiano di andare in fallimento a causa della chiusura aniticipata.

POTREBBE INTERESSARTI >>>  Scuola, Azzolina attacca anche Fontana: “Altre soluzioni per superiori”

L.P.

Per altre notizie di Politica, CLICCA QUI !