Mondovì, petardo esplode in un condominio: possibile atto intimidatorio

Paura a Mondovì, in provincia di Cuneo: esplode un petardo nell’androne di un condominio. Non si esclude l’atto intimidatorio, i dettagli.

Petardo
Carabinieri artificieri (Getty Images)

Mondovì, provincia di Cuneo. Paura nell’androne di un condominio, dove un grosso petardo è esploso nella serata di ieri. I danni maggiori hanno coinvolto la porta d’ingresso, ma le auto parcheggiate nel cortile non ne sono uscite indenni. Nessuno è rimasto ferito, riferisce l’agenzia ANSA. I condomini non hanno sporto alcuna denuncia per il momento. L’episodio è avvenuto nel quartiere Altipiano, in via Primo Alpini.

LEGGI ANCHE –> Monte di Procida, Covid test non autorizzato: spunta anche un focolaio

LEGGI ANCHE –> Thailandia, treno investe autobus: è strage

Mondovì, petardo esplode in un condominio

Petardo
(Carabinieri)

Vigili del Fuoco e Carabinieri sono intervenuti sul posto e sono all’opera per visionare le immagini delle telecamere di sicurezza presenti in zona. Le forze dell’ordine cercano di identificare i responsabili: non è ancora chiaro se si sia trattato di un atto intimidatorio o di un gesto sconsiderato.


Nella provincia cuneese questa mattina una seconda esplosione, questa volta nel comune di Garessio. Una donna è rimasta ferita: lesioni lievi, trasportata in ambulanza all’ospedale di Mondovì. L’esplosione nell’abitazione di via Vittorio Emanuele – spiega l’ANSA – sembrerebbe essere stata causata da una fuga di gas. I Vigili del Fuoco, intervenuti sul luogo dell’incidente con il 118 e le forze dell’ordine, hanno reso noto l’accaduto.

Il comune di Garessio era stato duramente colpito dall’ondata di maltempo del 2 e 3 ottobre: gravi alluvioni in seguito ai nubifragi dello scorso fine settimana. Oggi si lavora in Piemonte soprattutto per ripristinare le reti elettriche danneggiate. In particolare, nella località turistica di Limone. Ripristinati gas e riscaldamento a tutte le utenze del Comune, frazioni comprese, ad eccezione di quelle degli edifici inagibili e di quelle allacciate al tratto di tubazione di Viale Valleggia, in corrispondenza della parte danneggiata. Nei prossimi giorni continuerà il lavoro di intervento per rinforzare la rete di distribuzione in previsione dell’imminente stagione invernale.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, nuovo record di casi giornalieri nel mondo

LEGGI ANCHE –> Trieste, Barcolana annullata: maltempo più forte del Covid