Juve-Napoli, la Lega Serie A: “Si gioca regolarmente”

La Lega Serie A, attraverso un comunicato, ha reso noto che la partita tra Juve e Napoli si disputerà regolarmente.

Juve Napoli
Pallone della Serie A (Getty Images)

La Lega, con un comunicato, ha reso nota la propria posizione in merito ai fatti delle ultime ore. Nella nota si legge la decisione presa in merito al big match che avrebbe dovuto disputarsi questa sera a Torino.

Nella giornata di ieri, infatti, l’ASL Napoli 1 ha bloccato la partenza della squadra di Gattuso. Le ore successive hanno visto nascere una polemica relativa a quanto previsto in questi casi dal regolamento. La poca chiarezza della situazione, quindi, ha costretto la Lega a prendere una posizione decisa in merito.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus Campania, il bollettino del 4 ottobre: nuovo record di casi!

Juve Napoli, la Lega Serie A prende posizione

Juve Napoli
Napoli (Getty Images)

Secondo quanto stabilito dal regolamento, la partita si disputerà regolarmente. La Lega, infatti, ha precisato che “l’ASL campana si è limitata a notificare il provvedimento ordinario di isolamento fiduciario nei confronti dei contatti stretti del giocatore Zielinski. Nel caso di specie, invece, si applica il Protocollo Figc concordato con il CTS e integrato dalla Circolare del Ministero della Salute lo scorso 18 giugno”.

La conclusione a cui si giunge, quindi, è la seguente e prevede lo svolgimento regolare del match.

“Il Consiglio di Lega ha inoltre approvato un preciso regolamento da adottarsi in caso di positività plurime che possano portare al rinvio gare solo al verificarsi di determinate condizioni che, al momento, non si possono applicare al caso del Napoli, e non sussistono provvedimenti di Autorità Statali o locali che impediscano il regolare svolgimento della partita.

La “ratio” del protocollo resta, quindi, quella di consentire la disputa di tutte le partite e conseguentemente la conclusione regolare della Serie A”.

LEGGI ANCHE >>> Napoli, Bakayoko a Villa Stuart: visite mediche, poi la firma e la quarantena