Whatsapp, la truffa dei buoni spesa: valore dell’inganno fino a 250 euro

Whatsapp, la truffa dei buoni spesa è una di quelle che circolano di più sull’app di messaggistica più usata al mondo

Whatsapp
Whatsapp (foto pagina Facebook Whatsapp)

Da quando Whatsapp è diventato uno strumento usato anche tre le persone più anziane che hanno imparato a usare uno smartphone, i truffatori hanno cominciato a inondare l’app di messaggistica più famosa del mondo di finte promozioni. Ma non sono solo anziani che ci cascano.

Una delle più diffuse riguarda i buoni spesa. Finti sconti, super offerte per delle grandi catene alimentari e supermercati note in tutto il mondo. Occasioni da non perdere con pezzi stracciati ma ovviamente non esiste nulla di ciò.

Il fine, però, non è sottrarre soldi bensì dati personali che per i cybercriminali sono come l’oro da rivendere a terzi per scopi pubblicitari e marketing.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Whatsapp, arrivano le nuove emoji: c’è l’uomo con il velo da sposa – FOTO

Whatsapp, come riconoscere la truffa

Improvvisamente un nostro amico, un contatto che abbiamo in rubrica, ci invia un messaggio che ci inviata ad aprire un link allettante che ci promette sconti e offerte che non bisogna assolutamente perdere con sconti che ammontano a centinaia di euro. In questo caso non bisogna mai cliccare sul link. Basta quel piccolo gesto e la truffa è fatta.

Questi messaggi possono giungerci anche da contatti sconosciuti che non abbiamo in rubrica. Ma per riconoscerli bisogna fare attenzione a dei dettagli: spesso ci sono errori grammaticali e ortografici. L’URL può anche avere il nome dell’azienda che ci “propone” l’offerta ma c’è sempre qualcosa scritto dopo che ci dovrebbe subito far sospettare.

Basta anche ricordarsi che queste offerte non avvengono mai via Whatsapp. Le grandi catene praticano gli sconti ma non arrivano direttamente sul nostro cellulare.

Ma non ci sono solo i buoni spesa. Alcuni messaggi propongono la versione “premium”, Whatsapp Gold che offre nuove funzionalità. Non esiste nulla del genere e cliccare sul link che propone di scaricare la nuova versione espone lo smartphone a virus.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Chat Instagram e Facebook, da oggi unite: le novità