Coronavirus: evacuato il Ministero dello Sviluppo Economico

Coronavirus: evacuato il Ministero dello Sviluppo Economico per consentire la sanificazione dopo che un dipendente è risultato positivo

Coronavirus
Ministero Sviluppo Economico (Getty Images)

Coronavirus al Mise, il Ministero dello Sviluppo Economico a Roma, in via Molise. La decisione di evacuare riguarda l’intero personale della struttura è stata preso dopo che si è avuto certezza della positività di un dipendente. Tutti potranno rientrare solo quando saranno concluse le operazioni di sanificazione.

La sanificazione dovrebbe avvenire domani e da oggi tutti i dipendenti saranno in isolamento domiciliare per quattordici giorni come prevede la procedura in questi casi ed effettueranno i test per trovare altri eventuali casi positivi.

Nella città di Roma i casi di persone positive al Covid-19 sono aumentati. Secondo l’ultimo bollettino solo nella giornata di ieri sono stati rivelati 135 mentre in tutto il Lazio i positivi sono 195.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, seconda ondata in Europa: arriverà a Gennaio 2021

Coronavirus, aumentano i contagi in Italia. La situazione all’estero

Secondo il bollettino diffuso ieri dal Ministero della Salute e dalla Protezione civile i contagi in Italia sono aumentati. Ieri registrati 1640 nuovi contagi e 20 morti. Sono 995 le persone guarite dal virus. Aumento che riguarda anche le terapie intensive, più 5, e i ricoveri con 54 persone in più rispetto alle ultime ventiquattr’ore. In tutta la giornata sono stati effettuati 103.696 tamponi.

Situazione da tenere sempre sotto controllo in Italia considerando anche che il nostro paese è circondato da altri che in questo momento stanno vivendo situazioni difficili, forse peggiori di quella della scorsa primavera in Italia.

Parigi è stata dichiarata zona “super rossa” con ben 13mila nuovi contagi in tutta la Francia mentre la regione di Madrid è in lockdown. Situazione difficile anche in Gran Bretagna con milioni di persone in tutti i quattro Stati del Regno che sono in lockdown e obbligati a dure restrizioni.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, Johnson: “Polizia per rispetto delle regole anti-Covid”