Anm, interviene De Magistris: “Quattro milioni per i bus, il trasporto pubblico è una priorità”

Quattro milioni di euro per l’Anm: il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, interviene sul caos trasporti ribadendo la centralità dei mezzi pubblici nell’operato dell’amministrazione comunale. Le parole del primo cittadino arrivano proprio mentre l’Azienda Napoletana Mobilità è costretta a rinunciare a 14 linee per mancanza di fondi: tra assicurazioni non pagate e manutenzione sugli autobus non eseguita, l’azienda è costretta a rinunciare a decine di mezzi e il manager Renzo Brunetti ha deciso di tagliare alcune linee.

Una scelta che ha scatenato la reazione dei consumatori, con le associazioni di categoria che hanno annunciato un controllo serrato su eventuali: “Nel caso in cui venissero rilevati ritardi o disagi – avvisa Ursini, presidente del Codacons – presenteremo denunce per interruzione di pubblico servizio, frode contrattuale e omissione di atti d’ufficio”.

“L’Anm – conclude Ursini – non dice nulla sui ritardi dei mezzi, sulle vetture sporche e sulla soppressione di molte corse: è giusto che chi fornisca il servizio lo faccia rispettando obblighi contrattuali e dignità dei viaggiatori”. Sul caso, come detto, è intervenuto in mattinata De Magistris che ha annunciato: “Ho dato una direttiva chiara all’Anm e all’assessorato al Bilancio perché siano rese disponibili risorse pari a quattro milioni di euro per l’integrale copertura assicurativa e per la manutenzione dei mezzi. Bisogna operare subito affinché il trasporto pubblico funzioni e noi lo stiamo facendo”.

Interventi che però devono scontrarsi con la difficoltà a reperire fondi utili: “Nonostante la crisi durissima e i tagli attuati – conclude il sindaco – dobbiamo mettere in campo tutte le risorse e le energie a nostra disposizione perché il trasporto pubblico è una priorità di questa amministrazione”.