Arresto Zagaria, le immagini in esclusiva

Dopo l’arresto del super boss latitante dei Casalesi, Michele Zagaria, in rete si sono moltiplicati i giornali (e non solo) che hanno pubblicato video amatoriali inerenti alla cattura dell’uomo al di fuori del suo bunker. I giornalisti Gian Marco Chiocci e Simone di Meo hanno pubblicato, in esclusiva sul quotidiano Il Giornale, un video che racconta gli istanti immediatamente precedenti la cattura del boss, nel momento in cui la Squadra Mobile di Napoli entra all’interno del bunker e dialoga col Zagaria. Il video è disponibile qui.

La ripresa dura poco meno di un minuto e, pur essendoci diversi secondi di buio iniziale e le immagini successive siano nient’affatto che nitide, le voci, al contrario, si distinguono benissimo: Zagaria sostiene di essere «una persona seria» e che «lo Stato ha vinto, perché lo Stato vince sempre», parlando quasi con una sorta di arrendevolezza innanzi a chi gli dice «Zagaria, è finita!». L’ex capo della Squadra Mobile chiede poi, quasi a conferma di quanto sentito: «Zagaria sei stato tu ad urlare “lo Stato ha vinto”?» e il boss, con tono quasi semplicistico, ribadisce “Si, l’ho detto io: perché lo stato vince sempre”.

Del covo, in questo video girato con un cellulare all’interno del bunker sotterraneo di via Mascagni di Casapesenna, si vede ben poco, così come nulla appare del malessere palesato dal boss (motivo per il quale giunse sul posto un’autoambulanza) in quanto accaduto in fase successiva alla registrazione.

Finisce così l’era di uno dei boss più famosi della storia del clan dei Casalesi, soprattutto in virtù della sua lunghissima latitanza, durata ben 16 anni. Ma intanto sul web il tam tam di commenti liberi, soprattutto legati alla visione dei video, ha scatenato il solito “dubbio” sul fatto che, ogni qualvolta il governo in carica non ottenga un pieno consenso, si passi all’arresto strategico di qualche boss, come se fosse la soluzione più comoda per riguadagnare l’assenso del popolo.