Napoli, allarme dei supermercati: “Chiudiamo tutti”

Situazione disastrosa a Napoli con i gestori di molti supermercati che lanciano l’allarme: “Qui chiudiamo tutti”

Supermercato
Supermercato (Screenshot da Facebook)

A causa del caro energia la situazione è sempre più allarmante, a Napoli molti proprietari di noti supermercati sono disperati. Ad oggi le bollette si sono quintuplicate, per questo motivo hanno lanciato un appello al governo, con la speranza di essere ascoltati e sostenuti in questo delicato momento.

Tante le testimonianze raccolte in questi giorni, Fausto Amodio ha fatto sapere di aver ricevuto rispetto ad Agosto 2021 bollette raddoppiate, da 70 a 140 mila euro. Lui, titolare di 50 punti venditi a Napoli, senza giri di parole dichiara che sostenere questi costi è davvero difficile. Ha poi aggiunto che fino alla fine dell’anno resisteremo ma poi metterà in Cig 400 dipendenti e chiuderà la saracinesche perché non ha intenzione di indebitarsi per pagare le bollette.

Anche Antonio Cristiano si è detto molto preoccupato, titolare a Napoli di 25 punti vendita della catena Superò. I rincari inevitabilmente portano all’aumento dei prezzi dei prodotti. Ha fatto sapere che sono addirittura triplicati i costi di prodotti come olio, farina e pasta. A parer suo ad oggi i consumatori si trovano costretti a rinunciare a troppe cose per comprare beni di prima necessità, presto però sarà inevitabile fare tagli anche su quelli.

Napoli, titolari dei supermercati disperati, chiedono sostegno allo Stato

Supermercato
Supermercato (Screenshot da Facebook)

Negli ultimi tempi sono state studiare molte misure per cercare di ottenere un risparmio economico, come quella di aumentare di qualche grado l’aria condizionata e led alternati per ridurre i costi dell’illuminazione.

Il responsabile di Flor do Cafè, Francesco Siciliano, parla di una situazione davvero complicata. A detta sua in molti negozi le bollette subiscono aumenti assurdi, da 7 a 24 mila euro e non si può continuare ad aumentare i prezzi dei prodotti già aumentati nei mesi scorsi per via per via degli elevati costi dell’approvvigionamento.

Siciliano fa sapere che il prezzo della carne continuerà a salire e un litro di latte supererà i due euro. Tra le varie cose ha poi concluso dicendo: “Speriamo in un intervento dello stato, chi non ha le spalle forti stavolta rischia di non alzare più la saracinesca”.