Digitale terrestre, nuove modifiche ai canali: sta accadendo in queste ore

In queste ore nuove modifiche ai canali stanno avvenendo sul digitale terrestre a livello nazionale e locale: tutti i dettagli sui cambiamenti

Continuano i cambi di frequenze del digitale terrestre e questa sarà una settimana chiave in tal senso. Le modifiche stanno avvenendo sia a livello regionale che nazionale.

digitale terrestre
digitale terrestre (pixabay)

Nel Lazio e a Città del Vaticano c’è Telepace che è passata all’alta definizione. CTV HD ora invece la si trova sotto il nome di Vatican Media HD.

Maggiori sono i cambiamenti in Sicilia dove Telespazio Messina è stato inserito nel mux 7Gold Sicilia 99 che attualmente si trova alla numerazione 611. Al posto di Retecapri Sicilia C ora c’è Prima TV. Tr3, presente al canale 616, dice invece addio all’alta definizione.

Nella Marche è stata completato il riassetto delle frequenze tv. Tutti gli abitanti della regione dovranno risintonizzare i canali per potersi mettere in linea con tutti i cambiamenti.

Digitale terrestre, gli ultimi cambiamenti a livello nazionale

digitale terrestre
Un telecomando con un tasto di accensione e spegnimento in primo piano (via pixabay)

Diverse sono le novità anche a livello nazionale dove si segnala l’aggiunta di due duplicati di TV 153, i quali si trovano alle numerazioni 242 e 243. Questi portano il nome rispettivamente di LA 242 e Canale 263.

Intanto da oggi è operativo il nuovissimo bonus decoder per il DVB-T2 con l’Esecutivo che ha messo a disposizione 68 milioni di euro. La misura è rivolta ai cittadini di almeno 70 anni e con una pensione che non superi i 20.000 euro annui. A richiederlo, inoltre, può essere solamente il titolare del canone Rai.

Non possono beneficiare dell’incentivo i cittadini che, pur avendo tutti i requisiti suddetti, si sono già serviti in passato del bonus TV e decoder. Con questo bonus, in sostanza, si può richiedere il decoder e riceverlo direttamente presso il proprio domicilio. I dispositivi saranno quelli di prezzo non superiore ai 30 euro.