Bonus terme, stupenda notizia per gli italiani: c’è di nuovo

Il Decreto Sostegni Bis ha prorogato i termini per poter fruire del Bonus terme: la nuova data di scadenza 

Il decreto Sostegno Bis ha prorogato, ancora una volta, il termine entro cui si potrà beneficiare del Bonus terme.

Bonus terme
Bonus terme (Fonte: Pixabay)

La novità è stata introdotta negli emendamenti del provvedimento, lo scorso 16 marzo sul tavolo del Senato. Il buono potrà essere utilizzato fino al 30 giugno 2022. La scadenza del bonus terme era inizialmente prevista per l’8 gennaio, tuttavia il decreto Sostegni Ter aveva già prorogata la data entro il 31 marzo 2022. Con una nota, infatti, Federterme aveva chiesto al governo proprio un prolungamento del tempo per poterne fruire viste le moltissime disdette degli ultimi mesi a causa del rapido diffondersi della variante Omicron. Così, con il nuovo decreto Sostegni, l’esecutivo ha prorogato i termini di fruizione.

Dunque, coloro che erano già in possesso di una prenotazione potranno rivolgersi ora alla struttura e fissare un nuovo appuntamento. Tuttavia, ciò non significa che chi non ha fatto domanda potrà presentarla. La proroga, infatti, è valida soltanto per coloro i quali avevano già inoltrato la richiesta. Le procedure, gestite dalla piattaforma Invitalia, sono infatti ormai concluse già da diversi mesi. Perciò, in sostanza, chi ha già chiesto ed ottenuto il bonus, potrà utilizzarlo ancora nei prossimi mesi. Prima la scadenza per poterne beneficiare era fissata al 31 marzo. Per ora, però, la dilazione dei termini non è ancora ufficiale. Lo diventerà quando il pacchetto di emendamenti verrà approvato definitivamente dal Parlamento. La conferma potrebbe arrivare entro la fine del mese.

Bonus terme, tutto quello che c’è da sapere

Bonus terme
Bonus terme (Fonte: Pixabay)

Il bonus terme ha consentito al cittadino di beneficiare prenotando i servizi termali presso uno stabilimento da lui prescelto con uno sconto massimo di 200 euro. Potevano fare richiesta tutti i cittadini maggiorenni residenti in Italia, senza limiti legati al nucleo familiare e senza limiti di ISEE. Una volta presentata la domanda, sarà necessario fruire dell’incentivo entro 60 giorni, presso la struttura prescelta.

Tale misura non è legato al reddito, quindi per poterne beneficiare non è necessaria la prescrizione del medico. Inoltre, qualora il servizio comporti un costo maggiore, la parte eccedente resterà a carico del soggetto che lo ha richiesto. Il voucher non è cedibile a terzi, né a titolo gratuito, né in cambio di un corrispettivo in denaro. Tuttavia, è onere della struttura controllare che non ci siano già altre prenotazioni a nome dello stesso utente. Ricordiamo, inoltre, che non tutti i centri termali in Italia sono tenuti ad accettare il buono, che è utilizzabile solo in quelli accreditati presso Invitalia.