Cardarelli di Napoli, intervento straordinario: asportato tumore di 13 kg

Ospedale Cardarelli di Napoli, intervento straordinario su una 15enne: le hanno asportato una neoplasia benigna di 13 kg.

Cardarelli
Intervento chirurgico (Getty Images)

All’Ospedale Cardarelli di Napoli è stato fatto un intervento da record: è stato asportato un tumore benigno di oltre 13 kg di peso e dal diametro di 44 centimetri. La massa asportata era un cistofibroadenoma, un tumore ovarico benigno. La paziente è una ragazza di 15 anni anni che non era consapevole di questa massa. Nella giornata di lunedì 16 agosto si è recata al Pronto Soccorso dell’ospedale Cardarelli dove le hanno fatto gli esami del caso. Quando i sanitari del Dipartimenti di Emergenza e Accettazione hanno individuato il problema e compreso la gravità della situazione, hanno subito affidato la paziente al reparto di Ginecologia e Ostetricia. Il reparto è diretto dal dottore Claudio Santangelo. In meno di 24 ore la ragazza è stata preparata e sottoposta all’intervento chirurgico.

LEGGI ANCHE –> Meteo, venerdì da allerta gialla per 4 regioni: le zone a rischio

Ospedale Cardarelli, l’intervento record

Ospedale Cardarelli
Ospedale Cardarelli (foto Facebook)

L’intervento è stato molto complesso ma poco invasivo. Infatti, è stato fatto un taglio di soli 4 centrimetri a livello dell’inguine ed è stata poi asportata la neoplasia. L’equipe che l’ha operata era composta dal primario Claudio Santangelo, dai chirurghi Giovanni RuggieroViviana Natullo, dagli anestesisti Massimo Pisanti Valeria Diglio e dallo strumentista Silvio Caso.

LEGGI ANCHE –> Famosi crackers ritirati dal mercato: grave rischio per la salute 

Le parole del primario Claudio Santangelo: “Questi interventi sono molto delicati sia per l’età della paziente, sia per l’esigenza di intervenire su una neoplasia che, per quanto benigna, ha dimensioni fuori norma. Storie come questa dimostrano, qualora ce ne sia bisogno, che la nostra azienda ospedaliera offre in qualsiasi momento risposte alle più svariate esigenze di salute. Per tutti noi che lavoriamo e quasi “viviamo” in questo ospedale è un punto d’orgoglio.