Certificato esenzione vaccino: a chi spetta e come ottenerlo

Il certificato di esenzione del vaccino sostituisce il Green Pass, ma non è destinato a tutti: scopriamo chi può riceverlo e come ottenerlo

certificato esenzione vaccino
Una dose del vaccino di Pfizer (via Getty Images)

Il certificato di esenzione del vaccino viene consegnato a tutti coloro che, a seguito di specifiche condizioni cliniche, non possono essere sottoposti alla inoculazione. In una circolare del Ministero della Salute si legge: “Nel caso in cui la vaccinazione stessa venga omessa o differita per la presenza di specifiche condizioni cliniche documentate, che la controindichino in maniera permanente o temporanea“.

Tuttavia, le persone che ottengono tale certificazione non vengono esonerate dal rispetto di tutte le altre misure di prevenzione atte a contrastare la diffusione del Covid-19. Il Ministero fa sapere infatti che, ovviamente, l’uso delle mascherine e l’osservanza del distanziamento, oltre ad evitare assembramenti, sono regole valide per tutti, senza eccezioni.

L’atto potrà essere rilasciata in maniera gratuita fino al 30 settembre 2021 direttamente dai medici vaccinatori, avendo premura di archiviare la documentazione clinica.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Processo penale, cosa cambia con la riforma: le novità in dieci punti

Certificazione esenzione vaccino, cosa contiene

certificazione esenzione vaccino
(Ministero della Salute)

La certificazione contiene i dati personali del soggetto interessato: nome, cognome e data di nascita, con l’indicazione: “soggetto esente alla vaccinazione anti SARS-CoV-2“. La certificazione è valida fino al 30 settembre 2021 ed è utile per consentire l’accesso ai servizi e attività di cui al comma 1, art. 3 del decreto legge 105/2021.

LEGGI ANCHE —> Assegno divorzile alla ex, marito costretto a dimostrare l’impoverimento

Inoltre, contiene i dati relativi al medico certificatore: il Servizio vaccinale in cui opera come vaccinatore Covid-19, il timbro, la firma, il numero di iscrizione all’ordine o il suo codice fiscale. Il certificato non può contenere altri dati sensibili della persona interessata, ad esempio le motivazioni cliniche della esenzione.

Per ottenere il rilascio della certificazione si può fare ricorso anche alle piattaforme regionali predisposte a tal fine.