Napoli, De Laurentiis ad un bivio: la riforma parla chiaro

Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis si trova di fronte ad un bivio. Le nuove norme impongono una scelta netta.

Napoli
Aurelio De Laurentiis, presidente del Napoli (Getty Images)

Aurelio De Laurentiis detiene attualmente la proprietà di due società calcistiche. Nel 2004 ha infatti acquistato il Napoli, riportandolo in poco tempo in serie A. Tre anni fa l’acquisto del Bari, che attualmente milita in Serie C. Il produttore napoletano non è l’unico ad avere multiproprietà nel mondo del calcio.

Leggi anche-> Calciomercato Napoli, si cerca il sostituto di Demme: due nomi in pole

Un esempio noto e famoso è quello di Claudio Lotito, che ha avviato le pratiche per la cessione della Salernitana a terzi. Proprio il caso dei granata ha spinto il Consiglio Federale della FIGC ad un’importante riforma, che coinvolge tutti coloro che detengano la maggioranza delle quote in più squadre.

Napoli, De Laurentiis deve decidere in fretta

 Napoli
Aurelio De Laurentiis studia una soluzione adeguata (via Getty Images)

La riforma è stata resa nota dall’ex dirigente FIGC Antonello Valentini. La norma pone fine ad un fenomeno molto diffuso nel mondo del calcio. Per le situazioni attuali, ogni patron avrà tempo 2 anni per cedere le quote di una delle società. Allo scadere del termine, la squadra partecipata successivamente perderà l’affiliazione alla FIGC.

Leggi anche-> Calciomercato Napoli, super offerta per Mertens: non ci pensa due volte!

Questo ovviamente va oltre la regola attuale. Secondo le norme vigenti, un soggetto può essere proprietario di due club, a patto che militino in leghe diverse. Con la nuova riforma, frutto anche delle recenti polemiche tra Federcalcio e il presidente della Lazio, si assiste ad una vera e propria rivoluzione. Si prevedono all’orizzonte molti cambi di presidenza, che impediranno incroci tra i professionisti ed i Dilettanti. Per De Laurentiis quindi si profila una scelta molto gravosa. Da un lato cedere un club dal grande patrimonio storico, con una storia ricca di successi e di grandi campioni. Dall’altra disfarsi di una squadra promettente, che tenta da diversi anni la scalata alla cadetteria. Nel prossimo biennio il produttore cinematografico dovrà sciogliere il dilemma.