Droga a Pozzuoli, la GdF sequestra stupefacenti per 250mila euro

Droga a Pozzuoli, le Guardia di Finanza sblocca uno piazza di spaccio organizzata in casa: arrestati 3 spacciatori a Marano con 11mila euro

Getty Images

La Guardia di Finanza di Pozzuoli e di Giugliano ha sequestrato 20 chilogrammi tra hashish e marijuana, una quantità che avrebbe potuto far fruttare ben 250mila euro e “solo” 11mila sono stati trovati addosso a tre spacciatori arrestati a Marano, nel Napoletano.

Sono i risultati dell’operazione delle fiamme gialle flegree, in collaborazione con l’unità cinofila di Capodichino, che avevano notato un gran andirivieni presso un’abitazione dove avveniva la compravendita della droga.

Una piazza di spaccio ben organizzata con gli stupefacenti già confezionati in singole dosi con la macchina per i sottovuoti. I responsabili hanno sfruttato anche il terreno adiacente all’abitazione: in una buca profonda oltre due metri c’erano più di 10 chilogrammi di hashish e circa 12 di marijuana, tutte già divise in panelli, bustine e dosi pronte per essere immesse nel mercato della droga.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Monte Faito, paura sulla funivia: cabina ferma a causa di un blackout

Droga, da Pozzuoli a Pompei: molti interventi delle forze dell’ordine nelle ultime ore

Salerno
Operazione della guardia di finanza (via Pixabay)

Il traffico della droga nel Napoletano è molto fiorente come dimostrano le operazioni degli ultimi giorni. Sabato sera a Pompei i carabinieri hanno arrestato un 30enne che nei pressi del ponte di Moregine stava vendendo 5 grammi di cocaina a un’altra persona.

La polizia è invece intervenuta presso l’abitazione di un 28enne nel quartiere Ponticelli di Napoli, in via Flauto magico. Sono stati trovati tanti involucri di droga ma anche un vero e proprio arsenale di armi nascosto nel garage.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Mafia e Camorra, patto per la fornitura di droga: in manette 85 persone

È di questa mattina l’operazione della DDA di Palermo che ha portato 85 misure cautelari in tutta Italia scoperchiando un patto per la fornitura di droga tra la mafia palermitana e la camorra. Tra le persone arrestate figurano i nomi dei fratelli Giovanni e Raffaele Visiello di Torre Annunziata.