Monte Faito, paura sulla funivia: cabina ferma a causa di un blackout

Tanta paura sul Monte Faito per un guasto ad una funivia. Coinvolta una cabina, rimasta ferma sul tragitto per più di un’ora.

Monte Faito
Paura sulla funivia del Monte Faito (Foto di Free-Photos da Pixabay )

Le immagini dell’incidente del Mortarone sono ancora vivide nella memoria di tutti. Un incidente che poteva essere evitato, se non ci fosse stata una grave disattenzione nella sicurezza. Ecco perché oggi c’è stata molta paura per i passeggeri sulla funivia del Monte Faito, nei pressi di Castellammare di Stabia.

Leggi anche-> Ponticelli, sorpreso con droga ed armi in casa: arrestato 28enne

Una cabina, partita alle 17.25 si è arrestata a metà del tragitto. C’era molta apprensione dato che la stessa si trovava tra due piloni. Il tecnico di bordo, presente sempre nei viaggi, ha dapprima seguito le istruzioni del personale in stazione. Ha aperto e chiuso le porte per controllare che non ci fossero problemi, tuttavia la questione si è risolta solo in seguito.

Monte Faito, in salvo i 17 passeggeri presenti

Monte Faito
Tutti in salvo i 17 passeggeri, dopo ore di attesa (Foto di Elsemargriet da Pixabay)

Il problema è scaturito da un blackout elettrico, che ha coinvolto anche il centro antico di Castellammare di Stabia. L’Eav, ente che gestisce la funivia, ha spiegato in un comunicato cosa è successo e come sono stati portati in salvo i 17 passeggeri. Tra questi figuravano anche alcuni bambini, stremati per essere stati fermi due ore per una tratta che dura al massimo 10 minuti.

Leggi anche-> Pompei, spaccio nelle strade della movida: 30enne arrestato

Di seguito il comunicato dell’azienda: “Oggi c’è stato un problema di alimentazione alla funivia del Faito intorno alle 18. C’è stato uno sbalzo di tensione della rete e del successivo blocco di sicurezza. Un gruppo elettrogeno che alimenta il motore di recupero per la cabina ha consentito la manovra. In meno di un’ora il problema è stato risolto. Le persone rimaste a bordo della funivia a 250 metri dalla stazione superiore sono quindi scese regolarmente con la funivia stessa. A bordo della cabina era presente un addetto al servizio. E’ la seconda volta negli ultimi trent’anni che si verifica un episodio del genere. Può succedere ed il sistema ha funzionato perfettamente per gestire l’emergenza. Domani la funivia resterà chiusa per svolgere gli opportuni controlli. Speriamo di poter riaprire martedì‘.