Meteo, allerta caldo in Campania: cosa succede nei prossimi giorni

La Regione Campania, attraverso i propri canali ufficiali, ha diramato l’allerta meteo a causa del gran caldo: cosa succede nei prossimi giorni.

meteo Campania
Allerta meteo per ondate di calore (Foto: Regione Campania)

Attraverso i propri canali ufficiali, la Regione ha reso noto che nei prossimi giorni si andrà incontro ad ondate di calore. In particolare, le colonnine di mercurio faranno registrare temperature al di sopra “dei valori medi stagionali di 7-8 gradi, soprattutto nella giornata di domani”. Una situazione che ha avuto inizio la scorsa settimana e che sembra si protrarrà almeno fino alla giornata di mercoledì.

La protezione civile regionale, infatti, ha reso noto che l’allerta inizierà “a partire dalle 8 di domani mattina, lunedì 28 giugno per finire alle 20 di mercoledì 30 giugno. Inoltre, si avverte la popolazione che il “tasso di umidità che, soprattutto nelle ore serali e notturne sul settore costiero, potrà superare anche il 70-80%”. Questa condizione si verificherà soprattutto “nelle giornate di martedì e mercoledì e in condizioni di scarsa ventilazione”. Di seguito i consigli e le raccomandazioni per affrontare al meglio i prossimi giorni.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus Campania, il bollettino di oggi

Meteo, allerta caldo in Campania: i consigli e le raccomandazioni della Protezione Civile

Meteo
Napoli al tramonto (Getty Images)

La Sala Operativa regionale ha già invitato i sindaci di tutti i comuni e gli enti competenti ad attivare le procedure di vigilanza preventiva a favore delle fasce fragili della popolazione. Nel lungo comunicato, inoltre, si rendono note alcune raccomandazioni specifiche che aiuteranno la cittadinanza ad affrontare al meglio quest’allerta.

LEGGI ANCHE >>> Netflix, introdotta la pubblicità: cosa succede ora

La Protezione Civile, infatti, fa sapere che è consigliabile non esporsi al sole o praticare attività sportive nelle ore più calde. Nella nota, poi, si specifica che “particolare attenzione devono prestare i cardiopatici, gli anziani, i bambini e i soggetti a rischio”.

Siamo anche su Telegram: seguici per tutte le novità!