Napoli, due ragazzi accoltellati: in corso le indagini dei carabinieri

Napoli violenta nella serata di ieri ma per i militari i fatti non solo legati. Episodi di violenza anche a Giugliano con vittime due donne

Napoli
Ospedale Pellegrini di Napoli (foto Facebook)

Due accoltellati ieri sera a Napoli e altrettante aggressioni ai danni di donne a Giugliano in Campania. Tanta violenza in queste ore tra il capoluogo e la grande città della provincia.

Intorno alla mezzanotte scorsa i medici del Vecchio Pellegrini hanno chiamato i carabinieri quando al Pronto soccorso è giunto un ragazzo di 26 anni ferito con arma da taglio a polso e alla mano.

Si tratta di un residente del quartiere Stella già conosciuto dalla forze dell’ordine che ha dichiarato di essere stato ferito da due ragazzi presso Tondo di Capodimonte per un motivo futile, uno sguardo di troppo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Forcella, si pente il camorrista Salvatore Giuliano: uccise Annalisa Durante

Napoli, ferito anche un ventenne

È più giovane l’altro ferito, un 20enne dell’Arenella caduto con lo scooter in via Salvator Rosa, almeno stando alla sua versione. Non è stato creduto però dai sanitari che hanno escluso che possa essersi fatto male in questo modo. Anche in questo caso si tratta di una ferita d’arma da taglio e nonostante gli orari coincidano, i carabinieri delle compagnie Napoli Centro e Stelle che indagano escludono che si tratti di episodi tra loro collegati.

Giugliano, evade dai domiciliari per minacciare ex

A Giugliano invece si registrano due casi di violenza sulle donne. Un uomo di 38 anni posto ai domiciliari proprio per precedenti verso la ex, ha violato la disposizione uscendo di casa e recarsi presso l’abitazione della donna per insultarla e minacciarla ma i carabinieri lo hanno riarrestato.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Campania, De Luca firma l’ordinanza: mascherine e movida, cosa cambia

Altre indagini hanno portato all’arresto di un 25enne che si stava separando dalla moglie verso la quale in passato ha avuto un condotta violenta con schiaffi e pugni. Il lavoro dei carabinieri ha fatto emergere che l’8 e 9 giugno è stato responsabile di danni all’auto della donna, prima bucandole le gomme poi incendiandola.