Barbara D’Urso, la denuncia: “Ho dovuto prendere un bodyguard”

La presentatrice Barbara D’Urso ha dichiarato di aver assunto un bodyguard. Una decisione presa per garantire la sua incolumità.

Barbara d'Urso
La storica conduttrice Mediaset pronta ad un ridimensionamento (via Screenshot)

Barbara D’Urso ha preso una guardia del corpo per difendersi da uno stalker. La vicenda risale al 2017, quando tra il pubblico figura anche un 36enne di Catania. Da quel momento l’uomo tormenta la nota presentatrice ed i suoi familiari. Attraverso un profilo Instagram è arrivato persino a fingersi suo figlio adottivo, contattando i presunti familiari e chiedendo più volte un incontro.

Ti potrebbe interessare anche-> Chris Brown ancora nei guai: accusato di aver picchiato una donna

Ultimamente le minacce si sono fatte più pesanti, con minacce online alla conduttrice e una tempesta di telefonate alla redazione di Domenica Live. Per ora il giudice monocratico Valerio De Gioia ha disposto per l’uomo una perizia psichiatrica. La prossima udienza è stata rinviata al prossimo 14 ottobre.

Barbara D’Urso, le parole in tribunale

Barbara D'Urso
Barbara D’Urso (foto via web)

Proprio davanti al giudice la donna ha ripercorso la sua vicenda personale. “Ho avuto molta paura, l’hanno visto sotto casa mia. Mi ha minacciato online di tagliarmi la testa, ho dovuto prendere una guardia del corpo” ha dichiarato davanti al Tribunale di Roma. Che ha anche altri problemi ai quali pensare. Infatti si parla di un suo ridimensionamento in Mediaset, dopo un anno di ascolti tutt’altro che esaltante.

Leggi anche-> Stash indagato per ricettazione: di cosa è accusato il cantante

I Al punto tale che si vocifera che la sua trasmissione verrà ridotta a 45 minuti, eliminando le parti più “colorate” e lasciando lo spazio alla sola informazione. Indiscrezioni che però la donna rispedisce al mittente, ricordando ai suoi fan come in molti parlino ma pochi sappiano davvero la verità. La conduttrice è pronta quindi a smentire tutti e ritornare la regina degli ascolti come qualche anno fa. Nel frattempo si impegnerà a risolvere questo problema in tribunale, sperando di porre la parola fine alla vicenda. E chissà che questo non possa essere la spinta per farla ripartire in tv con ancora maggiore energia.