Napoli, furti in casa e nei negozi: carabinieri arrestano un 22enne

Napoli, intervento a corso Vittorio Emanuele. Il ragazzo era già noto anche per un video diventato virale nei mesi scorsi

Napoli
Getty Images

Ieri sera alcuni residenti in un parco di corso Vittorio Emanuele a Napoli hanno segnalato la presenza di un uomo che si aggirava nei pressi. Visti i precedenti episodi la zona era già pattugliata dai carabinieri che sono immediatamente intervenuti. Rafilillah Nasrat, un 22enne di origini afgane senza fissa dimora, conosciuto già dalle forze dell’ordine, è stato accerchiato dai carabinieri della stazione di Posillipo e dai colleghi del Nucleo Radiomobile di Napoli e del Reggimento Campania.

Nasrat aveva tentato di introdursi in un appartamento e quando è stato sorpreso si era nascosto tra le auto parcheggiate nel parco. Ora dovrà rispondere di tentato furto in abitazione. È stato scoperto quando si trovava nel giardino di un appartamento di una signora di 78 anni a piano terra. Il colpo per fortuna non è andato a buon fine grazie all’imminente segnalazione e all’intervento dei militari in zona.

POTRREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Campania, finalmente è zona bianca: cosa cambia dal 21 giugno

Napoli, preso ladro: era già stato aggredito da residenti al centro storico

Screen video aggressione via dei Tribunali

L’uomo arrestato oltre ad essere noto alle forze dell’ordine circa due mesi fa, il 26 aprile, lo era diventato anche per il popolo del web. Fece infatti il giro dei social il video dell’aggressione che subì in via dei Tribunali, nel cuore del centro storico di Napoli. Fu additato come ladro e pertanto preso d’assalto da alcuni residenti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Amazon Prime Day, le migliori offerte lampo di oggi

Curato in ospedale, non seppe spiegare la sua presenza nel palazzo dove e non fece denuncia nei confronti dei suoi aggressori. I carabinieri ora hanno identificato in lui il responsabile di alcuni furti avvenuti in noti negozi di via Toledo, via dello shopping napoletano, dove agiva soprattutto di notte ed era diventato il terrore dei commercianti. Hanno anche documentato che aveva sradicato dei tombini per rompere le vetrine dei negozi. Per lui ora c’è l’obbligo di presentazione presso la polizia giudiziaria.