Campania, finalmente è zona bianca: cosa cambia dal 21 giugno

La Campania passa in zona bianca a partire dal prossimo lunedì 21 giugno. Allentate le restrizioni: cosa cambia per i cittadini.

Campania zona bianca
Tutte le novità a partire dal prossimo lunedì (via Getty Images)

Dopo diversi mesi in zona gialla, la Campania è pronta a passare ad allentare le restrizioni passando in quella bianca. Infatti a decidere le sorti della Regione ci ha pensato l’ultima bozza di monitoraggio dell’Iss, che colloca l’Italia intera in zona bianca ad eccezion fatta per la Valle d’Aosta che resterà in giallo, ma senza coprifuoco. Ad anticipare la notizia ci ha pensato Vincenzo De Luca, durante la conferenza stampa della giornata di ieri.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Campania, De Luca tuona: “Mascherina all’aperto anche in estate!”

In diretta sui propri canali social, il governatore campano ha affermato che bisogna mantenere una certa cautela altrimenti il passaggio rischia di diventare un boomerang. Infatti per De Luca questa ‘ricreazione’ potrebbe essere interrotta nuovamente tra ottobre e novembre. Nonostante un pessimismo di fondo, il governatore ha comunque ricordato che in caso di aumento di contagi la situazione non sarà tragica come lo scorso autunno. Infatti a differenza del 2020, adesso l’Italia ha un’arma contro il virus: il vaccino. Andiamo quindi a vedere cosa cambia dal 21 giugno.

Campania, dal 21 giugno in zona bianca: le novità

Campaniza Zona bianca
Cittadini passeggiano sul Lungomare (Immagine di repertorio)

La zona bianca permette ai cittadini di abbattere gran parte delle restrizioni per limitare la diffusione del Covid-19. Infatti il protocollo concordato tra governo e regioni permette di superare le limitazioni orarie alla circolazione e alle attività. Inoltre la zona bianca anticipa anche la riapertura di tutte le attività economiche. Bar, ristoranti e altri esercizi di ristorazione non avranno più limitazioni di posto all’aperto, mentre al chiuso resta l’obbligo di massimo sei persone a tavolo.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Napoli, finto carabiniere sperona la polizia e scappa: arrestato ad Afragola

Con il miglioramento della curva pandemica quindi rimane solamente l’obbligo di mascherina ed il divieto di assembramenti. La Cabina di Regia del Governo, inoltre, ha attestato che la Campania per la terza settimana consecutiva ha un’incidenza inferiore ai 50 casi per ogni 100mila abitanti, con la Regione che passa nella fascia a basso rischio. Anche l’incidenza Nazionale fa registrare un deciso aumento, con la Valle d’Aosta che quindi resta l’unica regione in zona gialla, ma senza coprifuoco.